Il Piemonte lancia il bonus per i congressisti
A
In BTC, la fiera degli eventi che si è chiusa venerdì, la Regione Piemonte ha presentato le eccellenze della propria offerta congressuale e lanciato il nuovo "bonus congressuale".

Dal 2012, infatti, a chi organizzerà congressi, meeting e convention nella regione, l'Assessorato al Turismo riconoscerà un buono di 5 euro per ogni notte trascorsa dal congressista negli alberghi del territorio.

“Con 2 milioni di congressisti e 2,5 milioni di pernottamenti, la meeting industry rappresenta oltre un quinto delle nostre presenze turistiche, pari a 12,3 milioni nel solo 2010" ha dichiarato Alberto Cirio, assessore al Turismo della Regione Piemonte. "Un sistema che, a partire dal prossimo anno, potrà contare su un incentivo in più: un bonus in denaro per chi sceglierà questo territorio di eccellenza”.

L'offerta meeting piemontese poggia su circa 700 sale, una ricettività di 180mila posti letto e tre convention bureau: Lago Maggiore Conference, Alba Bra Convention Bureau e Turismo Torino e Provincia Convention & Visitors Bureau.

Secondo un’indagine dell’Università degli Studi di Torino, il congressista in Piemonte ha un'età media di 40 anni, è dirigente o libero professionista; il 59% è di provenienza italiana, contro il 41% di provenienza estera; la spesa media si attesta sui 450 euro, esclusa la quota di iscrizione al convegno.

Commenta su Facebook