Il Convention Bureau Roma e Lazio si presenta al mercato: a metà dicembre il piano industriale, 14 gli eventi confermati
A
Costituito il 21 giugno e con una compagine di soci e partner che attualmente si compone di 86 operatori attivi nel comparto eventi e congressi, il Convention Bureau Roma e Lazio si è presentato ieri ufficialmente ai propri stakeholder, dopo che nei giorni scorsi la Giunta capitolina ha dato il via libera al protocollo d’intesa tra Roma Capitale, Regione Lazio e il bureau stesso per l’istituzione del Comitato di indirizzo che ne definirà le linee strategiche.

L’evento di ieri, cui hanno partecipato il presidente del convention bureau Onorio Rebecchini, il sottosegretario al Mibact Dorina Bianchi, il vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio, l’assessore al turismo di Roma Capitale Adriano Meloni e il presidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti, segna il vero e proprio avvio del progetto, con l’obiettivo del rilancio della città sul mercato internazionale degli eventi.

“Abbiamo già definito le policy di accoglienza congressuale, con un documento sottoscritto dalle istituzioni che sarà oggetto di una delibera di Giunta”, dice a Event Report Onorio Rebecchini. “nel documento si definiscono le procedure di gestione delle richieste e gli standard di accoglienza dei clienti, dalle prime site inspection agli incontri dei clienti con sindaco o assessore, dalle lettere del sindaco a supporto delle candidature fino a spazi, servizi e benefit che la città metterà di volta in volta a disposizione per favorire l’acquisizione dei congressi”.

Intanto, la prima novità è che da ieri mattina è online il sito ufficiale del bureau (a questo link); durante la presentazione ne è poi stato mostrato il nuovo logo, realizzato dalla società di brand identity Inarea e illustrato dal suo fondatore Antonio Romano.

Entro metà dicembre presenteremo il piano industriale”, spiega Rebecchini, “dove saranno dettagliati gli obiettivi per i prossimi tre anni, i mercati di riferimento, le azioni di marketing e promozione che realizzeremo”.

Il Convention Bureau Roma e Lazio, lo ricordiamo, e stato costituito su iniziativa delle quattro associazioni di categoria di riferimento – Federcongressi&eventi, Federalberghi, Confersercenti e Unindustria – e con il supporto delle istituzioni come consorzio di privati. Il modello è quello della collaborazione pubblico-privato già collaudato con il Convention Bureau Italia, la cui presidente Carlotta Ferrari ne ha illustrato durante l'evento i punti di forza e di efficacia.

Nei primi 4 mesi di attività il Convention Bureau Roma e Lazio ha gestito le RFP (request for proposal) con il supporto del Convention Bureau Italia, per un totale di 14 eventi acquisiti, fra cui il congresso europeo di microbiologia clinica nell'edizione 2020.

© Event Report – riproduzione riservata

Commenta su Facebook