Firenze organizza il prodotto golf: parte il progetto Golfing in Florence, nuove opportunità anche per eventi e incentive
A
Un accordo fra i golf club del territorio per creare un polo di attrazione strutturato per il turismo golfistico internazionale. Il progetto si chiama Golfing in Florence e nasce dalla collaborazione fra Le Pavoniere Golf & Country Club, il Poggio dei Medici Golf Club e il Circolo Golf Ugolino Firenze, che si sono organizzati con un’iniziativa comune per gestire in maniera coordinata e sinergica le richieste che arrivano da agenzie, alberghi e singoli visitatori.

L’offerta dei glof club viene così resa disponibile attraverso un unico sito internet (www.golfinginflorence.com): le agenzie avranno un canale preferenziale di prenotazione e potranno proporre ai propri clienti il golf come attività sportiva o di team building in occasione di meeting o eventi di incentivazione, e gli albergatori offrire anche il servizio prenotazione di campi da golf, beneficiando dell’assistenza delle segreterie dei club per informazioni e noleggio attrezzature.

Golfing in Florence sarà promosso in collaborazione con il Comune di Firenze, attraverso il suo partner Firenze Convention & Visitors Bureau che inserirà il progetto sul portale Destination Florence, e con la Regione Toscana attraverso la sua agenzia Toscana Promozione Turistica. Soddisfatta Anna Paola Concia, assessora a Turismo, fiere, congressi e marketing territoriale del Comune di Firenze, che sottolinea come l’iniziativa sia funzionale ad attrarre un turismo internazionale di qualità e a destagionalizzare i flussi, e soddisfatto anche Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione, secondo il quale il progetto permette di delocalizzare i flussi turistici portandoli anche nelle aree del Mugello, di Prato e del Chianti.

"Siamo contenti di vedere gli operatori del territorio che fanno rete perché siamo certi che sia il modo migliore per promuovere la destinazione e attrarre turismo di qualità” ha concluso Carlotta Ferrari, direttrice del Firenze Convention and Visitors Bureau.

Commenta su Facebook