Palermo unica città europea selezionata per lo Smarter Cities Challenge: da IBM consulenza gratuita per fare dell’immigrazione un driver di sviluppo
A
È Palermo l’unica città d’Europa che IBM ha selezionato per beneficiare del suo Smarter Cities Challenge, il concorso che mette in palio la consulenza gratuita dei propri esperti in analisi dei dati, cloud e cognitive computing per aiutare le città a migliorare i servizi offerti ai propri residenti e diventare più “smart” negli ambiti di interesse prioritari per ognuna.

A candidarsi all’edizione 2017 del contest sono state 100 città: le vincitrici, oltre a Palermo, sono la coreana Busan, l'argentina San Isidro, l'americana San Jose e la giapponese Yamagata. Il Comune di Palermo aveva avanzato la propria candidatura con l’obiettivo di diventare una città inclusiva, dove gli immigrati accolti siano protagonisti attivi del suo sviluppo. L’azienda informatica ha valutato positivamente le premesse della candidatura e l’anno prossimo un gruppo di 6 esperti IBM trascorrerà circa un mese a Palermo analizzando i dati relativi all’immigrazione: attraverso incontri con amministratori, cittadini, aziende e associazioni non profit affiancherà quindi l’amministrazione locale nell’individuare le strategie più efficaci per realizzare un programma che integri gli immigrati nel tessuto sociale, culturale ed economico della città con benefici per tutti i cittadini.

Dalla sua fondazione nel 2010 Smarter Cities Challenge ha fornito consulenze per un valore complessivo di 68 milioni di dollari (ogni consulenza equivale a circa 500mila dollari) a più di 130 città nel mondo selezionate tra più di 600 richiedenti. Le città vincitrici delle scorse edizioni hanno utilizzato il programma per migliorare le proprie performance in ambiti quali i servizi sociali, la sicurezza pubblica, le opportunità economiche, l’amministrazione trasparente, il coinvolgimento dei cittadini, l'offerta di alloggi economici, i trasporti e i servizi idrici ed energetici.

Per esempio, con la consulenza IBM Dublino ha valutato la fattibilità di adottare l’energia solare come fonte energetica e ha quindi installato pannelli solari sui tetti di quasi tutti gli edifici municipali. Ancora in fase di attuazione è la consulenza compiuta nella sudcoreana PyeongChang: la contea che nel 2018 sarà la sede dei giochi olimpici invernali sta infatti sviluppando con l'aiuto di IBM un piano di promozione turistica a lungo termine che coinvolgerà l’intera destinazione e non solo le località che godranno della visibilità delle Olimpiadi.

Commenta su Facebook