Capitale italiana della cultura 2020: sono 46 le città che vogliono candidarsi, a settembre i dossier con i progetti
A
La cultura piace e le città italiane, che ne fanno un volano di attrazione turistica e di sviluppo del territorio, non fanno eccezione: sono ben 46, infatti, i Comuni che hanno risposto al bando del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT) manifestando interesse a candidarsi al titolo di Capitale italiana della cultura 2020.

Le amministrazione sono chiamate ora a confermare la propria adesione depositando entro il 15 settembre il dossier di candidatura vero e proprio, che deve includere il programma delle attività culturali previste, la struttura incaricata dell’elaborazione e promozione del progetto, la valutazione di sostenibilità economico-finanziaria, gli obiettivi e gli indicatori che verranno utilizzati per misurarne il raggiungimento.

“Sono felice di questa forte partecipazione di tante città” ha detto il ministro Dario Franceschini. “Comuni grandi e piccoli di tutta Italia hanno deciso di investire sulla cultura come cardine del proprio sviluppo: è il segno di una nuova consapevolezza che è nostro dovere favorire e incoraggiare il più possibile”.

Dopo la presentazione dei dossier, i singoli progetti saranno esaminati da una giuria di 7 esperti nei settori della cultura, delle arti e della valorizzazione territoriale e turistica, che entro il 15 novembre selezioneranno le 10 città finaliste da invitare a un incontro di presentazione pubblica e approfondimento. La città Capitale italiana della cultura 2020 verrà quindi scelta sulla base dei risultati di questi colloqui entro il 31 gennaio 2018.

Ecco le 46 città che hanno manifestato interesse a candidarsi al titolo.

Agrigento, Agropoli, Alberobello, Altamura, Ancona, Asti, Aversa, Bellano, Benevento, Bitonto, Capaccio Paestum, Casale Monferrato, Caserta, Catania, Ceglie Messapica, Cuneo, Fabriano, Fasano, Foligno, Gallipoli, Lanciano, Macerata, Merano, Messina, Montepulciano, Noto, Nuoro, Oristano, Parma, Piacenza, Pietrasanta, Pieve di Cadore, Prato, Ragusa, Ravello, Reggio Emilia, Salerno, Scandiano, Siracusa, Telese Terme, Teramo, Tivoli, Tremezzina, Treviso, Vibo Valentia, Villa Castelli.

Commenta su Facebook

Altro su...

Destination marketing