Principato di Monaco, cresce il settore degli eventi: oggi vale il 25% dell'intero mercato turistico
A
Il mercato monegasco degli eventi regge bene nonostante la sempre difficile congiuntura economica globale. Lo scorso anno il settore è cresciuto del 2,7% rispetto al 2015, generando quasi 3.500 pernottamenti in più e un indotto pari al 25% di quello complessivo del turismo.

A incidere sull’andamento positivo sono soprattutto i congressi medico-scientifici e le grandi convention delle aziende dell’information technology e dei settori bancario, finanziario e assicurativo. Questi eventi rappresentano più della metà, il 54%, di quelli svolti nel Principato, con un aumento del 12,6% del numero dei pernottamenti. Il settore assicurativo, oggetto di una specifica attività promozionale del Monaco Convention Bureau, sta diventando sempre più rilevante, con eventi che hanno portato più di 3.300 pernottamenti.

Un altro elemento positivo è la fidelizzazione: nel 2016 il 41% dei pernottamenti legati agli eventi è stato generato da manifestazioni che hanno fatto ritorno nel Principato.

Per quanto riguarda i mercati di provenienza, i principali rimangono quelli di prossimità, con la Francia capofila che incide per il 34,5%. La leggera flessione del mercato britannico è compensata dalla ripresa di quello delle Americhe, che ha rappresentato una quota di mercato del 14% (percentuale che non si raggiungeva dal 2012). Capofila del “ritorno degli americani” sono gli Stati Uniti che, con un aumento del 7,5%, coprono l’11% del mercato.

Commenta su Facebook