Presentato Destination Florence, il nuovo portale che promuove e vende l’offerta turistica della città
A
Porta la firma del Firenze Convention & Visitors Bureau il nuovo progetto per la promo-commercializzazione dell’offerta turistica cittadina: si chiama Destination Florence ed è stato realizzato in partnership con il Comune, che nel 2015 ha affidato al bureau le attività di promozione turistica.

Il progetto si concretizzerà a luglio con la messa online della piattaforma destinationflorence.com (che diventerà quindi il portale ufficiale della città), dove l’offerta turistica complessiva della destinazione sarà promossa in 6 lingue e commercializzata. La piattaforma sarà inoltre il punto di riferimento unico per tutti coloro che cercano informazioni sulla città.

"Un progetto unico in Italia”, ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, “per riprendere in mano il controllo della promozione e commercializzazione turistica della nostra città. In questo modo potremo sfidare i grandi player della vendita turistica online e mettere in campo azioni concrete come la guerra al turismo ‘mordi e fuggi’ e al ‘bagarinaggio’ lecito e regolare di ingressi nei musei, che spesso porta a biglietti con forte sovraccarico a danno dei turisti. Puntiamo a migliorare l’offerta turistica della città, decongestionando il centro storico, promuovendo e vendendo destinazioni che appartengono al territorio comunale e metropolitano. È la sfida che tutte le città d’arte devono lanciare”.

All’interno del portale sarà possibile acquistare una varietà di servizi, fra cui biglietti per musei, teatri, concerti ed eventi sportivi, biglietti aerei e ferroviari, tour guidati, servizi guide turistiche e pacchetti di visita, ma anche prenotare taxi e auto con conducente. Per le prenotazioni alberghiere si utilizzerà WebBookingPass, una piattaforma di prenotazione integrata pensata per associazioni e consorzi di albergatori che raccoglie e gestisce le prenotazioni provenienti da diversi canali. La filosofia di Destination Florence è infatti quella di utilizzare piattaforme già esistenti sul territorio e di aggregarle sotto un unico cappello stipulando differenti accordi.

La piattaforma è inoltre dotata di un sistema tecnologico, implementato in collaborazione con Travel Appeal, in grado di monitorare le presenze turistiche, le modalità di fruizione e gli orari nei luoghi più frequentati e di conoscere la provenienza dei turisti e le loro abitudini. Il sistema permetterà anche, per esempio, di individuare le nuove modalità di prenotazione dei grandi musei, di modulazione delle tariffe in base ai flussi stagionali e alla domanda e, infine, di attrazione dei turisti di ritorno.

Commenta su Facebook