Effetto convention bureau sull’incoming congressuale in Africa: dopo il Ruanda anche il Kenya costituisce un bureau nazionale
A
Un convention bureau nazionale non è una bacchetta magica, ma è certamente una leva di primo piano per generare incoming congressuale. Se ne stanno accorgendo i paesi dell’Africa centrale che vogliono posizionarsi sulla mappa degli organizzatori continentali e intercontinentali. Due anni fa è stato il Ruanda a costituire un bureau nazionale, e la notizia fu accolta con scetticismo dai paesi vicini: in fondo, il paese non aveva grandi assi nella manica e nemmeno grandi infrastrutture, a parte un centro congressi alberghiero nella capitale Kigali.

E invece la costituzione del bureau, segnale di un interesse del governo centrale a puntare sul business congressuale, ha portato al completamento del Kigali Convention Centre da 2.600 posti e del collegato Radissson Blu con 292 camere, dando una spinta anche agli investimenti delle grandi catene internazionali, con un Marriott appena aperto e uno Sheraton e un Ramada in costruzione. Il bureau ha cominciato a lavorare coordinandosi con l’ente del turismo nazionale e RwandAir, la compagnia di bandiera, e i congressi, specialmente quelli di respiro continentale, hanno cominciato ad arrivare incrementando flussi e indotto.

Ora è il Kenya ad avere annunciato la prossima costituzione di un convention bureau nazionale: il paese è già la seconda destinazione congressuale del continente dopo il Sudafrica, e il governo ha l’obiettivo di incrementare il numero di eventi internazionali sul proprio territorio attraverso l’azione di un istituto dedicato. Finora la promozione della destinazione sul mercato degli eventi era affidata all’ente del turismo e al Kenyatta International Convention Centre di Nairobi. Il governo kenyota ha inoltre espresso l’intenzione di costruire un secondo centro congressi a Mombasa per sviluppare il segmento congressuale anche al di fuori dalla capitale Nairobi, e il convention bureau nazionale avrà il compito di lanciarlo sul mercato internazionale.

Commenta su Facebook