Il congressuale entra nel Piano strategico del turismo della Puglia, si va verso il convention bureau regionale
A

Maddalena Milone

È stato completato nei tempi Puglia365, il Piano strategico del turismo della Puglia per il decennio 2016-2025, ed è imminente la presentazione dei 25 progetti scaturiti dai lavori dei 18 tavoli di confronto fra operatori, comuni ed enti locali su 6 macro temi (innovazione, infrastrutture, promozione, accoglienza, prodotto e formazione) coordinati da Pugliapromozione. Per il momento, l’anticipazione è che le proposte che riguardano il congressuale sono state recepite, e che ben due dei progetti contenuti nel Piano parlano del settore degli eventi.

Strumenti concreti per attrarre eventi
A proporre azioni e obiettivi per il congressuale pugliese è stata soprattutto Maddalena Milone, titolare dell’agenzia barese Meeting Planner, che negli incontri dei tavoli tematici ha sottolineato che “per lavorare in modo più efficace gli operatori del settore hanno bisogno di supporto: supporto nella promozione, nella formazione, nelle infrastrutture e nell’innovazione, ma in modo differente rispetto al turismo leisure. Soprattutto, hanno bisogno di strumenti concreti per promuovere la Puglia e attrarre eventi in partnership pubblico/privati”.

Creare un brand e mappare l'offerta
Le proposte della Milone sono state molto concrete e operative: creare un marchio che identifichi il prodotto Puglia per il Congressuale sostenendolo con azioni di marketing specifiche, soprattutto online e con un piano di comunicazione dedicato. Mappare l’offerta territoriale inserendone le specifiche in una sezione dedicata sul sito di Pugliapromozione: spazi, sale, wi-fi, tecnologie, lingue parlate, servizi accessori, accessibilità, sostenibilità.

Gli incentivi in collaborazione con i Comuni
Poi, scrive la Milone sul sito Puglia365 che ha raccolto gli input degli operatori, “occorrono incentivi, non necessariamente economici, che possono essere offerti per attrarre convegni, congressi ed eventi, da definire in collaborazione con i Comuni. Per esempio le “guest card”, la sala consiliare per le cerimonie inaugurali, l’accoglienza da parte delle istituzioni e il banco accoglienza gratuito in aeroporto, che possono essere offerti in un pacchetto a disposizione degli organizzatori”.

Un Osservatorio per orientare le strategie
Fondamentale è inoltre è il monitoraggio delle azioni e dei dati per orientare la strategia. Un’azione concreta potrebbe essere la sinergia con l’università per l’istituzione di un Osservatorio permanente che possa rilevare, all’interno del macro dato del turismo, il segmento business e studiarne i flussi e i trend. Infine, propone la Milone, valutare una collaborazione operativa con le associazioni di categoria riconosciute a livello istituzionale come Federcongressi&Eventi e Meeting Professionals International (MPI).

Il convention bureau regionale è uno degli obiettivi del Piano
Le proposte, di fatto, puntano alla costituzione di un convention bureau regionale. “L’istanza è stata recepita”, conferma Bianca Tricarico dell’assessorato regionale all’Industria Turistica e Culturale, “e il convention bureau regionale è uno degli obiettivi del Piano”. I dettagli arriveranno con la presentazione del documento: “per ognuno dei 25 progetti del Piano strategico Puglia365 sono definiti obiettivi, azioni, soggetti attuatori e fonti di finanziamento” spiega Bianca Tricarico. Il documento deve ora essere presentato al Consiglio regionale e poi sarà consegnato al ministro Franceschini. Per il congressuale pugliese potrebbe essere una grande opportunità.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook