Europei di calcio Uefa 2016, i tifosi stranieri spenderanno in Francia 1,2 miliardi: impatto dell'evento e trend alberghieri
A
Il fischio d’inizio sarà il 10 giugno e per un mese, fino al 10 luglio, la Francia sarà teatro del campionato di calcio più prestigioso d’Europa, con 24 squadre nazionali in gara e 10 città che ospiteranno le partite. A diffondere i dati di quello che si stima sarà l’impatto economico dell'evento sportivo sull’economia francese è il Centre de Droit et d’Economie du Sport (CDES), secondo il quale le 51 partite in calendario saranno viste live negli stadi da 2,5 milioni di tifosi e sui teleschermi di tutto il mondo da 150 milioni di spettatori.

L’impatto netto della manifestazione sull’economia nazionale francese, cioè quello derivante dalla spesa dei visitatori stranieri, è stato stimato dal CDES in 1,26 miliardi di euro; Euro 2016 ha inoltre dato lavoro a 20mila persone per la costruzione o riqualificazione delle strutture sportive e a 94mila per tutti gli aspetti dell’organizzazione, alle quali si aggiungeranno 6mila volontari.

La banca francese Societe Generale ha invece stimato che fra le 11 le aziende che trarranno i maggiori benefici dal campionato ci sono in pole position compagnie aeree e catene alberghiere, in particolare Air France, seguita da easyJet e Ryanair, e Accor, in prima linea per trasportare e ospitare il milione e mezzo di tifosi attesi dall’estero.

A fornire i trend su prenotazioni e tariffe alberghiere è Trivago, che ha rilevato come la città più cara del campionato sia Lille: i pernottamenti durante le 8 partite che vi svolgeranno costano in media 519 euro, con un picco per la notte del match Italia-Irlanda che raggiunge gli 814 euro. La città più conveniente è Lens, dove la tariffa media per camera doppia è di 176 euro a notte.

I prezzi degli alberghi, dice Trivago, variano anche in base alle squadre in campo: se il record è per Italia-Irlanda, la “partita più economica” è Albania-Svizzera, per la quale un pernottamento a Lens costa 134 euro. Per dormire a Lione in occasione del match Italia-Belgio si spendono in media 470 euro, mentre per Italia-Svezia a Tolosa 226 euro.

Tuttavia, dice Trivago, gli italiani sembrano poco intenzionati a muoversi per seguire le partite dal vivo, e sono al 14° posto per ricerche di alberghi nelle città che ospitano le gare della propria nazionale. I più interessati all’evento sportivo sono gli ungheresi, mentre quelli disposti a spendere di più per i pernottamenti sono gli svizzeri, che arrivano a 436 euro a notte. I più parsimoniosi sono i cechi, per i quali la tariffa massima accettabile è 265 euro.

Commenta su Facebook