Napoli si aggiudica il World Tunnel Congress 2019, lavoro di squadra a 6 mesi dalla nascita del convention bureau
A
Giovanna Lucherini l’ha annunciato “in diretta” da San Francisco con un post su Facebook: Napoli ha vinto il World Tunnel Congress 2019, il congresso promosso dalla International Tunneling and Underground Space Association che riunisce gli ingegneri “galleristi” (cioè che costruiscono gallerie). È la prima grande acquisizione a 6 mesi dalla costituzione del Convention Bureau di Napoli, di cui la Lucherini è il direttore, e l’entusiasmo per un evento che porterà in città per 6 giorni (dal 3 al 9 maggio) circa 2.300 delegati da tutto il mondo è palpabile.

Napoli ha battuto Londra, Istanbul e Salisburgo grazie a un vero lavoro di squadra: il dossier di candidatura è stato preparato per conto della Società Italiana Gallerie da AIM Group, che all’indomani della costituzione del Convention Bureau di Napoli (lo scorso novembre) ne ha chiesto in corsa il supporto (la scadenza per la presentazione della candidatura era fissata per la fine dell’anno) per selezionare le location delle serate e come raccordo per ottenere l’endorsement delle istituzioni locali.

Detto fatto. In tempi record il Convention Bureau ha ottenuto le lettere di supporto alla candidatura della Città Metropolitana, di Confindustria e di Federalberghi; ha organizzato i sopralluoghi e ottenuto Pompei e il Museo Ferroviario di Pietrarsa come location per le serate, e supporterà AIM Group nel coordinamento degli alberghi.

E il 28 aprile, al Moscone Center di San Francisco dove si concludeva l’edizione 2016 del World Tunnel Congress, la delegazione di Napoli ha presentato la candidatura della città: “In soli 15 minuti ne abbiamo raccontato le eccellenze e anche la rilevanza per i temi del congresso” racconta Giovanna Lucherini. “Napoli è città di gallerie sotterranee fin dai tempi dei greci e dei romani. Inoltre, i lavori fatti per la metropolitana e quelli in corso per estenderne la rete costituiscono spunti per le visite tecniche dei partecipanti. Con la stazione della metropolitana Toledo, Napoli si è anche aggiudicata l’anno scorso il premio per l’uso innovativo degli spazi sotterranei nell’ambito degli International Tunnelling Awards”.

A raccontare alla platea riunita a San Francisco la Napoli e l’Italia dei tunnel sono stati due video prodotti da Tecnoconference-TC Group che hanno mostrato l’eccellenza ingegneristica italiana con i trafori che dalle Alpi agli Appennini hanno aperto le vie di comunicazione. “Negli ultimi 20 anni il congresso era stato a Milano e Firenze, e ora è stato il momento di giocare la carta del Sud Italia” dice Giovanna Lucherini. “Abbiamo lavorato a lungo per proporre un prodotto di valore e oltre ai tunnel, anche l’attrattiva di Napoli ha fatto la sua parte”.

Il congresso si svolgerà alla Mostra d’Oltremare, e il Convention Bureau di Napoli (che è un consorzio di privati) si sta già attivando per offrire ai delegati facilitazioni per il trasporto publico e desk di accoglienza. Soprattutto, comincia adesso l’attività di coordinamento degli alberghi: “Con i nostri soci abbiamo concordato tariffe in linea con le aspettative dei promotori del congresso e dobbiamo lavorare anche con gli altri per avere un’offerta omogenea” dice la Lucherini. “L’acquisizione del congresso è il primo passo: ora tutte le realtà del Convention Bureau Napoli, ma anche quelle politiche e sociali della città, dovranno lavorare nella stessa direzione per la riuscita perfetta dell’evento”.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook