Torino prima città in Italia e seconda in Europa per innovazione, il riconoscimento dalla Commissione Europea
A
Torino è prima in Italia e seconda in Europa tra le città che mettono in campo soluzioni innovative per attrarre imprese, finanziamenti e investimenti e per coinvolgere i cittadini. Il riconoscimento le è stato attribuito dai giurati della Commissione Europea che venerdì scorso si sono riuniti a Bruxelles per stabilire i vincitori di iCapital, il concorso promosso dalla UE per premiare le città che stanno costruendo il miglior ecosistema dell'innovazione mettendo in rete gli enti pubblici, le università, le imprese e la cittadinanza. Giunto alla sua seconda edizione (quella del 2014 era stata vinta da Barcellona) e riservato ai comuni con più di 100mila abitanti, iCapital ha visto quest’anno la partecipazione di 36 città.

Ad aggiudicarsi il titolo di Capitale europea dell’innovazione è stata Amsterdam. La città olandese ha infatti battuto Torino, Parigi e le altre 6 finaliste (Berlino,Vienna, Oxford, Glasgow, Eindhoven e Milano) per la sua visione globale dell’innovazione in 4 aree: economia, governo cittadino, inclusione e qualità della vita.

Torino ha conquistato il 2° posto togliendosi la soddisfazione di superare Parigi per aver presentato, con il claim Il luogo dove le idee prendono vita, le numerose iniziative attuate per portare innovazione sviluppando sinergie tra pubblico e privato. Per esempio, Innova.TO, il concorso riservato ai dipendenti pubblici per innovare la pubblica amministrazione, poi Torino Social Innovation-FacilitO, il programma che finanzia le startup di giovani, e Open Incet, il centro dedicato alle imprese impegnate in progetti di innovazione sociale.

Conquistare il titolo di Capitale europea dell’innovazione accresce la reputazione delle città e porta loro denaro da destinare a nuovi progetti: Amsterdam è stata infatti premiata con 950mila euro, Torino con 100mila e Parigi con 50mila euro.

Sotto, il video presentato da Torino per la candidatura a Capitale europea dell’innovazione 2016.


Commenta su Facebook

Altro su...

Destination marketing