Aumenta in Italia la spesa dei visitatori stranieri, la voce principale è quella per alberghi e ricettivo
A
Arriva da una delle maggiori emittenti di carte di credito l’ulteriore conferma del trend positivo per l’incoming in Italia. I dati Visa sulle transazioni che i visitatori internazionali hanno effettuato in Italia nel 2015 indicano un numero di operazioni (112 milioni) superiore del 20% rispetto a quello del 2014 per un volume di spesa pari a 12,8 miliardi di euro, il 16% in più anno su anno.

I paesi top spender sono Regno Unito, USA, Francia, Germania e Svizzera, i cui cittadini l’anno scorso hanno speso in Italia complessivamente ben 7,7 miliardi di euro, cioè il 60% dei volumi registrati da Visa. Al primo posto ci sono i britannici, con 3,1 miliardi di spesa e un incremento del 35%; poi gli americani con 1,4 miliardi, i francesi con 1,4 miliardi, i tedeschi con circa 1 miliardo e gli svizzeri con 680 milioni.

L’incremento di spesa maggiore arriva però dai cinesi, che nel 2015 hanno speso in Italia il 56% più dell’anno precedente, attestandosi a 562 milioni di euro. In calo invece la spesa di brasiliani (-19%) e russi (-37%).

La voce di spesa più importante è stata quella per alberghi e strutture ricettive, per cui gli stranieri hanno speso 3,2 miliardi di euro, quasi 11 punti percentuali più del 2014. Al secondo posto ci sono moda e abbigliamento con 2,4 miliardi di euro (+8%) e al terzo prodotti e servizi assicurativi, per i quali sono stati spesi 1,4 miliardi di euro (+35%).

Commenta su Facebook

Altro su...

Turismo