Firenze premia i propri ambasciatori: il riconoscimento a 60 accademici che hanno portato congressi alla città
A
Hanno tutti collaborato alle candidature per i congressi nazionali e internazionali che Firenze ha acquisito negli ultimi anni, e la città ha voluto ringraziarli conferendo loro un premio che ne riconosce il ruolo di “ambasciatori” di Firenze in Italia e nel mondo.

A ricevere il Fiorino d’argento dall’assessore al turismo del Comune di Firenze Giovanni Bettarini, nel corso dell’evento che si è svolto la scorsa settimana nel salone di Cinquecento di Palazzo Vecchio, sono stati 60 professori delle più diverse specialità mediche, scientifiche e professionali che hanno lavorato fianco a fianco con il Firenze Convention Bureau, Firenze Fiera e le agenzie di organizzazione congressuale per portare in città i congressi delle proprie associazioni o atenei di riferimento.

Erano presenti alla consegna dei premi l’assessore al turismo della Regione Toscana Stefano Ciuoffo, il delegato della comunicazione dell’Università di Firenze Carlo Sorrentino e i presidenti di Firenze Fiera, Luca Bagnoli, e di Firenze Convention Bureau, Giacomo Billi.

A Carlotta Ferrari, direttore del convention bureau, il compito di presentare, a una platea composta da 150 rappresentanti del mondo accademico e scientifico, il Florence Academic Leader Programme, cioè i servizi che il bureau offre ai propri ambasciatori per supportarli nella stesura dei dossier di candidatura per i congressi.

I 60 premiati non erano certo esaustivi della lunga lista dei leader in campo accademico, medico, professionale e di ricerca che hanno contribuito a rendere Firenze una delle maggiori destinazioni congressuali del paese, ma questo primo evento è solo l’inizio: il Firenze Convention Bureau e l’assessore Bettarini, nell’ambito della nuova partnership per la promozione della città sul mercato degli eventi, sono infatti intenzionati a farne una tradizione, conferendo in futuro il riconoscimento su base annuale.

Commenta su Facebook