Firenze Convention Bureau cambia nome e amplia la mission per operare anche nel turismo leisure
A
Il Firenze Convention Bureau cambia denominazione e diventa Florence Convention and Visitors Bureau, completando un processo di trasformazione che lo porta ora a operare anche nell’ambito del turismo leisure. Un ampliamento di competenze di non poco conto per il bureau, che proprio quest’anno celebra i 20 anni dalla costituzione. La novità è stata presentata il 12 maggio nel corso dell’assemblea dei soci (oggi 150), ai quali sono state state annunciate anche la prossima diversificazione delle attività in vista dell’apertura di due nuove divisioni – una dedicata al turismo leisure e l’altra al segmento wedding – e il nuovo sito web per il leisure che si chiamerà Official Visit Florence, sull’esempio del Visit London britannico.

Il Florence Convention and Visitors Bureau opera sotto la direzione di Carlotta Ferrari, una dei principali artefici della trasformazione, e negli ultimi anni è stato arricchito con nuove professionalità per un totale, attualmente, di 10 persone di staff che lavorano per la promozione della città e per acquisire business internazionale.

“Obiettivo del Firenze Convention Bureau” ha detto il presidente Giacomo Billi, “è quello di operare per conto delle aziende private che fanno parte del network, consapevoli però di svolgere una funzione di interesse pubblico: la creazione di ricchezza per la città attraverso l’acquisizione di eventi e congressi. La scommessa dei prossimi mesi sarà il potenziamento e la diversificazione del lavoro finalizzato all’acquisizione di eventi, ma anche l’ampliamento dell’attività alla promozione turistica di Firenze”.

Positivi i risultati dell’anno trascorso: nonostante la riduzione dei contributi pubblici, scesi dal 56% (rispetto al fatturato) del 2010 all’8% del 2014, il bilancio 2014 ha chiuso in attivo, e nella compagine sono entrati 26 nuovi soci, ai quali se ne sono aggiunti altri 9 nel primo trimestre 2015, che hanno aderito con più quote di capitale ciascuno, per un totale di 71 quote di capitale vendute dal bureau.

Le attività di marketing e promozione si rivolgono soprattutto al mercato internazionale, e la più recente è stata una sales mission negli Stati Uniti; da poco è stato inoltre rinnovato il sito web del Firenze Convention Bureau, con nuove sezioni per gli organizzatori di eventi, il potenziamento della piattaforma Florence Congress Booking ora aperta alle prenotazioni alberghiere anche dei turisti leisure e l’aggiornamento della sezione del Barberino Designer Outlet, main sponsor del bureau e punto di forza per la promozione di Firenze come città dello shopping e della moda.

Commenta su Facebook