A Vienna l'indotto degli eventi è di 900 milioni di euro: il ruolo dell’università nell’acquisizione dei congressi
A
Sono stati 3.582 gli eventi che Vienna ha ospitato nel 2014, il numero più alto mai registrato in città che ha segnato un incremento del 6% rispetto all’anno precedente generando 1,4 milioni di pernottamenti (l’11% di tutti i pernottamenti a Vienna) e supportando 17mila posti di lavoro, per un indotto complessivo di quasi 900 milioni di euro, anch’esso in aumento dell’8%.

Gli indicatori congressuali sono tutti positivi, hanno riferito Norbert Kettner, direttore dell’ufficio del turismo, e Christian Mutschlechner, direttore del Vienna Convention Bureau, durante la presentazione dei dati di consuntivo dello scorso anno, sottolineando che la spesa dei delegati in città (474 euro al giorno per persona) è stata quasi doppia rispetto a quella dei normali visitatori (250 euro). L’indotto generato, che è stato calcolato sulla base di un modello statistico proprio comprendendo sia la spesa diretta di delegati, organizzatori, espositori e accompagnatori sia l’impatto economico indiretto sui settori di servizio (telecomunicazioni, banche, assicurazioni, costruzioni, alimentari etc), ha prodotto 253 milioni di euro di tasse, 30,4 dei quali sono andati al comune di Vienna.

Dei 3.582 eventi ospitati 1.458 erano congressi, poco più della metà dei quali internazionali, e 2.124 eventi corporate, internazionali per due terzi. Mutschlechner ha evidenziato il ruolo di traino dei congressi internazionali: benché nel 2014 siano stati solo il 22% degli eventi totali, hanno portato a Vienna quasi la metà dei delegati complessivi, generando il 72% dei pernottamenti e il 77% dell’indotto.

Il “core business” di Vienna sono i congressi medici, che costituiscono il 20% del numero di congressi ma portano un elevato numero di delegati: il prestigio della destinazione sul mercato dei congressi medici, ha spiegato Kettner, è dovuto all’eccellenza della sua università, che è attivamente impegnata nell’acquisizione di eventi internazionali non soltanto attraverso il lavoro della comunità accademica, ma anche con una struttura organizzativa propria.

Fin dagli anni Novanta, infatti, l’Università di Vienna sostiene attivamente l’acquisizione di congressi internazionali, e nel 2007 si è dotata di un proprio ufficio interno di event management che offre un servizio completo, come quello di un PCO, per i congressi che si svolgono nei 63 spazi (location e sale) gestiti direttamente. Nel solo 2014, l’Università di Vienna ha organizzato e ospitato 246 congressi e 32.500 delegati internazionali.

Commenta su Facebook