L’Italia entra nell’alleanza dei convention bureau nazionali d’Europa: obiettivo, potenziare l’incoming di eventi
A
Anche il Convention Bureau Italia, la rete di imprese private presieduta da Carlotta Ferrari, è entrato a far parte del progetto che aggrega i convention bureau nazionali europei allo scopo di favorire la collaborazione e la condivisione di informazioni per rafforzare il posizionamento delle singole destinazioni e del continente sul mercato globale degli eventi.

Con l’Italia sono entrati a far parte dell’alleanza anche i convention bureau di Irlanda, Francia, Portogallo e Lettonia, portando così a 22 i membri del progetto strategico creato circa un anno fa su iniziativa di Eric Bakermans e Matthias Schultze, a capo rispettivamente dei convention bureau di Olanda e Germania, per condividere i temi del lavoro quotidiano dei convention bureau nazionali, unire le forze e valorizzare le competenze di ognuno per meglio affrontare il mercato internazionale.

I membri dell’alleanza, che per il momento è un’aggregazione informale, si sono di recente riuniti a Copenhagen per discutere dei numerosi progetti da mettere in campo, primo fra tutti un progetto di ricerca congiunto sul mercato cinese, e per rafforzare le strategie d’approccio a mercati chiave quali, appunto, quello cinese e quello americano.

L’Europa, dicono i dati, è la prima macro-destinazione per numero di congressi associativi, e secondo i 22 convention bureau nazionali membri dell’alleanza, l’offerta del Vecchio Continente è destinata a rimanere attrattiva per l’incoming di eventi extra-europei. Il 93% dei convention bureau riuniti a Copenhagen ritiene infatti che il mercato degli eventi europeo abbia un futuro di crescita e il 67% ha dichiarato di avere incrementato le risorse di budget per il 2015.

I 5 paesi appena entrati si affiancano ai 17 già presenti nell’alleanza: Germania, Olanda, Austria, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Ungheria, Islanda, Montenegro, Norvegia, Polonia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Svizzera e Danimarca. La prossima riunione plenaria dell’alleanza sarà a Budapest in settembre, e sono invitati a parteciparvi anche altri convention bureau nazionali interessati all’iniziativa.

Commenta su Facebook