Sydney si aggiudica un incentive cinese che vale 35 milioni di euro, sarà il più grande mai ospitato dalla città
A
Un incentive di 5 giorni per premiare i migliori venditori delle filiale cinese di Nu Skin, azienda americana di prodotti cosmetici e integratori alimentari, che porterà 50 milioni di dollari australiani (35 milioni di euro) all’economia del New South Wales, lo stato australiano di cui Sydney è la capitale.

L’evento, che si svolgerà nell’aprile 2016, è stato acquisito dal convention bureau della città BESydney la scorsa settimana, con l’annuncio da parte dell’azienda della destinazione vincitrice della candidatura: sarà il più grande viaggio di incentivazione mai ospitato dalla destinazione. I partecipanti arriveranno da Cina, Taiwan, Hong Kong e Macao.

Quello cinese è il maggiore mercato incoming per Sydney, e in generale l’Asia è al centro delle attività promozionali sia del convention bureau sia di Destination BSW, l’ufficio del turismo dello stato. “Al momento abbiamo acquisito dall’Asia eventi per un valore di 60 milioni di euro che si svolgeranno da qui al 2016” dice Lyn Lewis-Smith, CEO di BESydney. “Negli ultimi 3 anni, gli eventi di aziende e associazioni asiatiche hanno portato alla nostra economia più di 115 milioni di euro, e lo scorso anno un terzo degli eventi che Sydney ha ospitato erano promossi da soggetti cinesi.

Il boom è merito non solo della “vicinanza” dell’Australia alla Cina, ma anche di come la città e i suoi operatori si sono organizzati: “Alberghi, location e attrazioni di Sydney si sono strutturati per accogliere gli eventi cinesi” conferma Lyn Lewis-Smith. “Lo standard è oggi quello di mettere in campo personale che parla cinese e che è stato specificatamente formato sulle esigenze e aspettative degli ospiti asiatici, negli hotel, nelle sedi per eventi e nei negozi; tutti gli operatori, inoltre, accettano pagamenti con le carte di credito China Union Pay”.

Commenta su Facebook