Berlino festeggia i 25 anni della caduta del Muro con un muro di luce e 3 giorni di eventi diffusi
A
Berlino si prepara a celebrare i 25 anni dalla caduta del Muro che divideva la Germania dell’est da quella dell’ovest. Dal 7 al 9 novembre tutta la città sarà coinvolta nei festeggiamenti dell’anniversario di un evento storico che, nel 1989, aveva segnato l’inizio della fine della Guerra Fredda.

L’associazione no profit berlinese specializzata in eventi culturali Kulturprojekte Berlin, con il supporto della Robert-Havemann Gesellschaft, la fondazione che si occupa di documentare la storia della resistenza nella DDR, ha realizzato un programma di festa collettiva dove l’arte sarà protagonista di concerti e opere a cielo aperto.

Durante il weekend verranno organizzati tour guidati (anche a bordo delle iconiche auto Trabant) in 7 punti nevralgici del tracciato del Muro, lungo il quale documentari proiettati su 100 schermi ne illustreranno la storia.

L’appuntamento più atteso, però, è Lichtgrenze: dal 7 al 9 novembre 8mila palloncini luminosi saranno posizionati a 2 metri dal suolo per 15 chilometri, lungo l’intero tracciato del Muro originale. L’installazione sarà talmente spettacolare da essere visibile anche dallo spazio. Uno spettacolo di luce, ideato dagli artisti Christopher e Marc Bauder, che diventerà ancora più emozionante la sera del 9 novembre. Al tramonto i palloncini verranno liberati nell'aria simboleggiando il momento in cui il Muro venne abbattuto.

Dopo il lancio dei palloncini, personalizzati con messaggi e testimonianze di chi aveva vissuto gli anni della divisione, i festeggiamenti raggiungeranno il clou. Di fronte alla Porta di Brandeburgo si terrà un grande evento-concerto, organizzato dal governo federale, a cui interverranno anche rappresentanti delle istituzioni. Il cantante Peter Gabriel intonerà l’hit di David Bowie Heroes, vero inno contro le ingiustizie, e il maestro Daniel Barenboim dirigerà l’Inno alla gioia di Beethoven eseguito dall’orchestra Staatskapelle di Berlino.

Gli eventi del "giubileo" potranno essere visti anche dall’alto. In alcuni punti della città, infatti, saranno posizionate piattaforme sopraelevate aperte al pubblico.

Air Berlin organizzerà 3 voli di 35 minuti nel cielo sopra Berlino a bordo di aerei a elica. Al costo di circa 100 euro i passeggeri a 1.000 metri di altitudine potranno vedere l’installazione luminosa. I voli saranno numerati AB1989, AB1990 e AB1991 per commemorare l'anno della caduta del Muro, l'anno della riunificazione della Germania e quello della ricostituzione della compagnia aerea. I voli partiranno dall’aeroporto Tegel di Berlino, lo stesso in cui verranno esposti per 6 mesi 2 frammenti del muro alti più di 3 metri che l’artista francese Thierry Noir dipingerà dal vivo il 9 novembre.

La celebrazione dell’abbattimento del Muro non sarà solo una festa ma anche un’occasione di riflessione. Dall’8 al 9 novembre si svolgerà la 2° edizione di Falling Wall Conference. Incontri e seminari organizzati in diverse location della città vedranno la partecipazione di leader internazionali della scienza e della politica che cercheranno di rispondere alla domanda: Quale sarà il prossimo muro a cadere?

Commenta su Facebook