Milano ospita il Global Corporate Summit di PCMA, 4 giorni su come affrontare le sfide della globalizzazione attraverso gli eventi
A
Riunirà una platea composta da meeting planner aziendali e operatori degli eventi il Global Corporate Summit che l’americana PCMA, Professional Convention Management Association, organizza a Milano dal 16 al 20 luglio ospitata da Fiera Milano Congressi presso il centro congressi MiCo: i 4 giorni di lavori saranno focalizzati sulle sfide che la globalizzazione pone alle aziende sia in termini di business sia in termini di comunicazione, in particolare attraverso gli eventi.

Il programma, che si articola in sessioni di formazione condotte da relatori di caratura internazionale, si aprirà con l’intervento dell’economista Stephen Archer sui rischi e le opportunità della globalizzazione, durante il quale si identificheranno le nuove aree di potere ed influenza economica: la tesi di Archer è che anche la globalizzazione deve adattarsi ai veloci cambiamenti politici e sociali del mondo, e che le economie emergenti finora considerate più promettenti (per esempio i BRICS) sono oggi da valutare con cautela.

La parola passerà quindi alle grandi agenzie: su come “globalizzare” gli eventi per coinvolgere un pubblico globale, sfruttando tecniche specifiche di engagement per ogni audience online e offline interverranno Oscar Cerezales, CEO di MCI nell’Asia Pacifico, e Ben Goedegebuure, general manager EMEA di Maritz Travel Company, mentre Chris Meyer e Paolo Zeppa di George P. Johnson parleranno dell’importanza dei dati per costruire un’efficace “consumer intelligence” e progettare programmi esperienziali ad alto valore aggiunto sulla base delle informazioni acquisite sul target di partecipanti.

Il tema della globalizzazione sarà affrontato anche da punto di vista delle risorse umane: Nigel Jeremy, esperto di formazione, recruitment e sviluppo aziendale, fornirà le conoscenze di base su come gestire con successo team di lavoro globali e multiculturali, sottolineando le criticità cui i team leader sono chiamati a dare risposta ma anche le opportunità di ottenere performance di eccellenza.

Infine, la globalizzazione considerata dal punto di vista di internet: Ben Hammersley, futurista ed esperto di digitale, racconterà come le email, il web che conosciamo oggi e i dipartimenti IT aziendali sono destinati a divenire obsoleti in breve tempo e come la nuova generazione di strumenti web-based che si sta affacciando sul mercato cambierà il modo di lavorare, incontrarsi e generare innovazione.

Il Summit prevede anche momenti di confronto e discussione, nonché incontri di business fra meeting planner aziendali e operatori; a corollario un ricco programma di attività su Milano, finalizzato a fare conoscere la destinazione ai partecipanti internazionali: cena nel quartiere di Brera, tour del centro storico con tappa a Eataly per il pranzo, concerto in Duomo, site inspection del MiCo, visita al Castello Sforzesco con cena nel Cortile Ducale, cocktail nella boutique Armani e, al termine dell’evento, post tour nella regione.

Commenta su Facebook