European Cities Marketing inaugura l’Academy: porterà la formazione per la meeting industry anche nei mercati emergenti
A
È un gruppo di 18 docenti di diversi paesi europei, tutti professionisti del settore eventi, che in virtù dell’esperienza maturata sul campo con la ECM Summer School, il corso di formazione che l’associazione European Cities Marketing dedica annualmente ai giovani professionisti europei della meeting industry, esportano ora il format con l’obiettivo di portare competenze specifiche anche nei mercati emergenti di Asia, Africa, Sud America e paesi del Golfo.

L’Academy di European Cities Marketing è nata su idea e iniziativa di Pier Paolo Mariotti, direttore della Summer School, e si rivolge in particolare a convention bureau, alberghi, PCO, centri congressi, DMC ed enti governativi che vogliono formare il proprio personale per svilupparne la professionalità e guadagnare competitività sul mercato.

Come la Summer School, anche l’Academy si sviluppa su 4 giorni intensivi di corso affiancando alla parte teorica anche lo studio di case history e i laboratori pratici, in un format che stimola l’interazione fra i partecipanti e con i docenti. L’ultimo giorno del programma è dedicato a un workshop aperto anche a politici e rappresentanti delle istituzioni locali e fornirà le linee guida per lo sviluppo del settore nella destinazione.

Oltre a Pier Paolo Mariotti dell’Eurac di Bolzano, il team dei docenti è composto da Jonathan Cohen (Azimuth Marketing Communications Ltd), Rémy Cregut (Montreux Music & Convention Centre), Nalan Emre (IMEX), Paul Flackett (IMEX), Elisabeth Hansa (Austria Center Vienna), Cécile Koch (MIM Magazine), Cain Leathem (GB Fitness), Olivier Lépine (Biarritz Tourisme), Anja Loetscher (Geneva Convention Bureau), Bruna Migliazza (Hay Group Italy), Christian Mutschlechner (Vienna Convention Bureau), Michel Neijmann (IAPCO), Miguel Neves (IMEX), Annalisa Ponchia (European Society for Organ Transplantation), Olivier Ponti (Amsterdam Marketing), Mathias Sondermann (SAP Marketing), Mark Spivey (Maritim Hotels) e Anne Wallin-Rodven (Oslo Convention Bureau).

Commenta su Facebook