Franceschini istituisce il Laboratorio Digitale per il Turismo, dovrà portare la filiera sul web e colmarne il gap di competitività
A
Il decreto che ne sancisce l’istituzione è stato firmato nei giorni scorsi dal ministro Dario Franceschini: il Laboratorio Digitale per il Turismo, che avrà il compito di definire e favorire l’attuazione della strategia digitale dell’industria turistica italiana, opererà – senza oneri aggiuntivi per la finanza pubblica, precisa una nota del ministero – presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con attività di monitoraggio e di indirizzo.

“Sulla digitalizzazione del turismo l’Italia si gioca una partita strategica in termini di possibilità di crescita e sviluppo economico” ha detto Franceschini. “Le classifiche internazionali ci dimostrano che siamo ancora molto indietro: al 26° posto in quanto a competitività del settore turistico, al 101° posto per l’uso delle ICT nel comparto turistico: l’Italia può e deve fare di più e di meglio. Il Laboratorio digitale avrà il compito anche di monitorare le best practice del settore e fornire indicazioni per integrare i troppi livelli digitali della pubblica amministrazione”.

In particolare, il Laboratorio monitorerà progetti e iniziative di digitalizzazione della filiera turistica per identificare e valorizzare le best practice e promuoverne l’utilizzo, rileverà gli standard digitali internazionali che favoriscono l’integrazione dell’offerta informativa e ricettiva e identificherà modelli di business sostenibili che sfruttino l’opportunità offerta dall’accesso diretto alle informazioni e ai servizi turistici e favoriscano la creazione di applicazioni e servizi.

Inoltre, predisporrà annualmente un documento di sviluppo della digitalizzazione del turismo in Italia definendo le strategie digitali di ricerca, informazione, comunicazione, promozione e commercializzazione dei servizi turistici e culturali e dei prodotti tipici e artigianali in Italia e all’estero, le attività e i progetti per il sostegno alla digitalizzazione delle PMI e delle amministrazioni pubbliche nonché i soggetti, le modalità i tempi e le risorse necessarie allo sviluppo dell'economica digitale nel turismo e per la valorizzazione del patrimonio culturale.

Commenta su Facebook

Altro su...

Turismo

Web e digital