Federcongressi: definito il programma della convention, si va alle elezioni con Mario Buscema candidato unico alla presidenza
A

Mario Buscema

L’apertura dei seggi è fissata per il 14 marzo, in occasione della Convention nazionale di Roma, ma il risultato delle elezioni è annunciato: sarà Mario Buscema, in quanto candidato unico, il prossimo presidente di Federcongressi&eventi, l’associazione di riferimento del settore meeting ed eventi, per il biennio 2013-2015. Buscema, vicepresidente dell’agenzia di organizzazione congressuale bolognese Planning Congressi e, attualmente, responsabile Federcongressi&eventi per l’ECM e le attività medico-scientifiche, subentrerà a Paolo Zona, che lascia il vertice dell’associazione dopo due mandati.

“La Commissione di designazione ha raccolto le disponibilità di diverse persone a candidarsi alla presidenza e riferito al Comitato esecutivo”, dice a Event Report Gianni Bastianelli, coordinatore delle attività di Federcongressi&eventi, “ma allo scadere del termine per la presentazione delle candidature, lo scorso 12 febbraio, l’unica pervenuta è stata quella di Mario Buscema”.

Perché un’associazione composita e articolata come Federcongressi&eventi ha espresso soltanto un candidato presidente, soprattutto in un momento difficile per tutta la filiera come quello attuale, quando le opinioni sulle priorità di intervento sono diversificate? “L’avere espresso un candidato unico è un segno positivo di armonia e di coesione della filiera” risponde Bastianelli. “Le diverse anime dell’associazione si sono accordate sulle linee principali e il secondo potenziale candidato, Emilio Milano, ha deciso di appoggiare Buscema condividendone programma e obiettivi”. Anche Mario Buscema, come Paolo Zona, è un PCO: secondo Bastianelli, è la conferma che quella dei PCO è una componente non soltanto rilevante, ma anche particolarmente attiva all’interno dell’associazione.

La tornata elettorale si giocherà quindi sul fronte del Comitato esecutivo: i soci Federcongressi&eventi dovranno eleggerne gli otto componenti in base alle regole del nuovo statuto, che ne prevede quattro in rappresentanza delle categorie (Destinazioni e sedi congressuali, Incentivazione e motivazione, Organizzazione congressi ed eventi e Servizi e consulenze), ognuno eletto dai soci appartenenti a quella categoria, più altri due eletti da tutti gli associati, indipendentemente dalla categoria. Gli ulteriori due membri dell’esecutivo sono il past president (quindi Paolo Zona) e il presidente.

“Le candidature per il Comitato esecutivo stanno arrivando e c’è tempo fino a dieci giorni prima delle elezioni per presentarle” dice Bastianelli. “A questo punto non so se anche all’interno delle singole categorie i soci si accorderanno per presentare un’unica candidatura o se si dovrà effettivamente scegliere fra più candidati”.

In attesa di chiudere le liste di candidatura, Mario Buscema parte per un “tour” pre elettorale di incontro con i soci, la cui prima tappa sarà a Milano il 5 marzo, per ascoltarne istanze e richieste e per presentare il proprio programma.

Intanto è stato definito il programma della Convention nazionale che, come da tradizione, si svolgerà su due giorni, con seminari e sessioni di confronto e di formazione su argomenti di attualità e di interesse per gli associati e per l’intero settore. Si parlerà di incoming, con il seminario Nuovi mercati e strumenti per il destination marketing, che si focalizzerà su come strutturare la comunicazione sui canali digitali e sull’India quale mercato ad alta potenzialità di flussi congressuali per l’Italia e che sarà condotto da Johanna Fischer dell’agenzia tedesca tmf dialogue marketing. Il secondo tema è quello dei congressi medici e dell’educazione continua in medicina: all’incontro Riflessioni sui primi due anni del nuovo sistema ECM – cui interverranno, fra gli altri, Maria Linetti e Paolo Messina della Commissione Nazionale per la Formazione continua – si farà il punto su normativa, provider e il tema scottante del momento, il Codice Deontologico di Farmindustria, le cui recenti modifiche hanno messo in subbuglio il mondo alberghiero. La prima giornata si concluderà con il seminario Negoziazione economica e flessibilità: come costruire un nuovo rapporto fra agenzie e clienti, cui partecipa come relatore il presidente della Consulta degli eventi Alessandra Lanza.

La seconda giornata sarà dedicata a tre temi: la condivisione degli eventi sui social network per aumentarne i ricavi, con il caso di Eventbrite, l’importanza della web reputation per le destinazioni e gli organizzatori congressuale, con Fabio Lazzerini di Amadeus, Roberta Milano dell’Università di Genova e Massimo Rovelli della Luiss Guido Carli, e un approfondimento sul mercato americano e le strategie di sviluppo per gli operatori italiani, cui parteciperà Patrizia Buongiorno di AIM Group International.

Commenta su Facebook