IAPCO premia il congresso internazionale ISTH realizzato in Giappone subito dopo il terremoto
A

Il presidente del congresso Yasuo Ikeda (a dx) e il sindaco di Kyoto Daisaku Kadokawa

Kyoto

L’associazione internazionale degli organizzatori congressuali IAPCO (International Association of Professional Congress Organisers) ha premiato il 23° International Congress on Thrombosis and Haemostasis organizzato nel 2011 in Giappone, a quattro mesi di distanza dal disastroso terremoto che ha interessato il Paese e provocato lo scoppio della centrale nucleare di Fukushima.

Si è trattato del più grande congresso, con oltre 6.000 partecipanti (di cui 4.000 internazionali) organizzato in Giappone dopo il disastro, che ha interrotto una lunga catena di cancellazioni e rinvii disposti da altre associazioni per congressi già in calendario in tutto il Paese.

Il comitato locale organizzatore dell'International Congress on Thrombosis and Haemostasis, invece, dopo avere affidato a una società indipendente di analisi dei rischi il compito di valutare il tipo e l’entità dei pericoli connessi all’evento, ha deciso di confermare la candidatura, che è stata pienamente accettata e sostenuta dal board internazionale dell’associazione scientifica.

Il congresso, svolto presso il Kyoto International Conference Center dal 23 al 28 luglio, ha costituito quindi un’occasione di speranza per la comunità locale e ha generato benefici economici diretti quanto mai apprezzabili, vista la situazione di grave difficoltà affrontata dal Giappone.

IAPCO, ricevuta la candidatura dell’evento per il premio da un socio giapponese, ha dunque riconosciuto il valore di questa scelta è l’ha premiata con lo IAPCO International Client Award, il riconoscimento che ogni anno l’associazione attribuisce per valorizzare le eccellenze dei congressi realizzati.

Per il 2011, in realtà, i premi consegnati sono stati, eccezionalmente, due: il secondo è andato all’International Association for the Study of Lung Cancer, associazione (dedita allo studio delle terapie per il cancro al polmone) che secondo IAPCO ha elevato la qualità degli eventi organizzati grazie a una spiccata capacità di collaborazione con i PCO, di cui sa riconoscere la professionalità e il ruolo.

Commenta su Facebook