Approvata la Dichiarazione di Helsinki: PR Hub porta in Italia i 10 principi del codice di comportamento nelle relazioni pubbliche
A
È un documento dove si affermano i principi che devono governare il lavoro dei professionisti delle relazioni pubbliche, un codice di comportamento che si rivolge al settore a livello globale con l’obiettivo di fare fronte alle crescenti sfide poste dall’attuale contesto del mercato e del digitale.

La Dichiarazione di Helsinki è stata approvata la scorsa settimana dal board dell’International Communications Consultancy Organisation (ICCO), l’associazione di riferimento del comparto, durante una riunione cui ha preso parte anche la piattaforma italiana delle agenzie di relazioni pubbliche PR Hub, che della Dichiarazione e dei suoi principi si fa ora portavoce in Italia.

Secondo la Dichiarazione di Helsinki, si legge in una nota di PR Hub, i professionisti delle relazioni pubbliche in tutto il mondo devono escludere pratiche ingannevoli e qualsiasi forma di discriminazione, promuovendo invece un comportamento etico e virtuoso nella professione. “Sosteniamo con convinzione i principi contenuti nella dichiarazione di Helsinki e ci impegnamo come associazione italiana a diffonderli e a promuoverli nel nostro paese” afferma il portavoce di PR Hub Andrea Cornelli.

I 10 principi della Dichiarazione di Helsinki invitano i professionisti delle PR a:

1. Lavorare eticamente e in conformità alle leggi vigenti.
2. Osservare i più alti standard professionali nella pratica delle relazioni pubbliche e della comunicazione.
3. Rispettare la verità, affrontare onestamente e in modo trasparente i dipendenti, i colleghi, i clienti, i media, il governo e il pubblico.
4. Proteggere i diritti di privacy dei clienti, delle organizzazioni e degli individui salvaguardando le informazioni riservate.
5. Essere consapevoli del dovere di salvaguardare la reputazione dell'intera industry.
6. Essere collaborativi con coloro che promuovono cause e interessi e a non impegnarsi mai in pratiche fuorvianti come l’astroturfing (la pratica di produrre artificialmente consenso verso un prodotto, un’azienda, un’organizzazione).
7. Essere consapevoli del potere dei social media e a utilizzarli in modo responsabile.
8. Non partecipare in alcun modo alla creazione o alla veicolazione di “fake news”.
9. Essere consapevoli dei codici di condotta degli altri paesi per aderire al codice di condotta della propria associazione e a garantire sempre il rispetto professionale.
10. Assicurarsi di adempiere ai propri doveri professionali senza commettere reati discriminatori.

Commenta su Facebook

Altro su...

Associazioni