Convention Federcongressi: a Riva del Garda due giorni di contenuti trasversali, focus sul cambiamento come leva di innovazione
A
L’innovazione come “approccio mentale”, grazie al quale ognuno struttura le proprie risorse personali e professionali per rispondere alle nuove sfide del mercato: questo il filo conduttore della convention di Federcongressi&eventi, la principale manifestazione che coinvolge la meeting industry italiana e che quest’anno si svolgerà dal 23 al 25 marzo al Centro Congressi di Riva del Garda con il titolo LET’S NET#concretiecompetitivi e un programma tutto incentrato sul fare impresa in un mercato che cambia.

In apertura l’assemblea dei soci e le votazioni per rinnovare le cariche sociali per il biennio 2017–2019 (presidente, comitato esecutivo, revisore dei conti e probiviri) e poi si partirà con il programma vero e proprio, articolato in sessioni che riguarderanno i campi di attività di tutte le categorie di soci.

Nella prima giornata si parlerà dei convention bureau e dell'ampliamento della loro attività sul fronte del turismo leisure nella tavola rotonda Bleisure: nuove tendenze del destination marketing, dei congressi medici e dei cambiamenti che impattano il lavoro dei provider ECM nella sessione I paradigmi della nuova formazione in Sanità e del ruolo delle DMC (destination management company) nel mercato degli eventi e della mappatura delle realtà italiane nell’incontro DMC: call to action.

La seconda giornata sarà dedicata a comunicazione e digital nella sessione Content marketing e storytelling: i segreti del soft marketing, ma anche alla responsabilità sociale con l'incontro Cibo due volte buono: tutto quello che dobbiamo sapere per garantire pasti sani ai partecipanti e donare il cibo in eccesso e alla sostenibilità economica, sociale e ambientale degli eventi con la sessione Prendiamoci le nostre responsabilità.

A introdurre le due giornate, dense di contenuti professionali, due momenti di coaching motivazionale: la “vision lecture” di Alex Bellini, esploratore e protagonista di imprese estreme che dimostrerà come tutto è possibile quando il cambiamento è accettato e affrontato, e la “good morning session” di Andrea Favaretto, trainer di programmazione neuro-linguistica che racconterà come eliminare il “dovere mentale” permette di raggiungere gli obiettivi. E nel programma non poteva mancare il coinvolgimento diretto dei partecipanti, con il team building d’improvvisazione teatrale condotto dal coach Marco Marchegiani finalizzato a potenziare la capacità di collaborazione e networking.

A corollario, molti altri momenti: il Business Speed Dating con appuntamenti B2B fra i partecipanti, la premiazione dei vincitori degli FCE Awards, il conferimento dei riconoscimenti alle aziende che hanno partecipato alla PCCO Academy, i seminari del Progetto Mentore dedicato agli studenti.

Il programma della convention, con il dettaglio di sessioni e speaker, è consultabile sul sito di Federcongressi&eventi a questo link.

Commenta su Facebook