Convention Bureau Italia: le richieste dei buyer esteri sono a +70%, si rafforza la collaborazione con l’Enit
A

Carlotta Ferrari

A due anni dalla fondazione il Convention Bureau Italia consolida l'attività di promozione del paese come destinazione per eventi anche grazie all’ampliamento del proprio parco soci.

Il bilancio del 2016, presentato insieme ai progetti per il 2017 durante l’assemblea dei soci di pochi giorni fa, indica che a metà novembre il bureau nazionale ha registrato una crescita del 70% delle richieste ricevute da buyer esteri per l'organizzazione di eventi in Italia rispetto al totale del 2015.

Roma e Milano sono state le destinazioni più ricercate, seguite da Firenze, Venezia e Bologna. A trarre vantaggio dalle azioni promo-commerciali intraprese dal bureau non sono state però solo le grandi città: anche la Valle d’Aosta, il Trentino Alto Adige e Bergamo hanno acquisito eventi internazionali. Gli eventi effettivamente realizzati comprendono non solo congressi associativi ed eventi aziendali, ma anche eventi trasversali quale la fiera B2B legata alla grande distribuzione che si è svolta quest’autunno a Milano coinvolgendo più di 2.500 persone.

A rendere più efficace l’operato del convention bureau, confermandone i risultati raggiunti, è anche l'incremento del numero dei soci, che oggi assicura una copertura capillare di tutte le principali destinazioni. Rispetto a due anni fa i soci sono infatti triplicati, arrivando a toccare quota 92 incluse le tre catene alberghiere Italian Hospitality Collection (IHC), NH Hotel Group e UNA Hotels & Resorts.

Per quanto riguarda i progetti per il nuovo anno, il Convention Bureau Italia punta a rafforzare le partnership con gli organizzatori di workshop B2B internazionali per offrire ai soci tariffe di partecipazione vantaggiose e a collaborare in maniera ancora più stretta con l'Enit perché, dice la presidente del bureau Carlotta Ferrari, “Nel 2016 abbiamo assistito a un reale cambio di passo dell’ente e siamo soddisfatti che il MICE sia stato inserito fin da subito tra gli obiettivi di crescita e che per farlo Enit si stia avvalendo della nostra collaborazione”. Esempi concreti della rinnovata sinergia tra il Convention Bureau Italia e l’Enit sono i 4 workshop in programma a Londra, Bruxelles, New York e Washington nel mese di marzo 2017 organizzati dal bureau grazie anche al supporto dell’ente.

Nel 2017 il bureau lancerà infine la nuova campagna di comunicazione realizzata dall’agenzia +39 Italy.

Commenta su Facebook