Convention Bureau Italia, NH Hotel Group entra nel network: si amplia la rappresentatività e il presidio su Roma e Milano
A
È un ingresso “di peso” quello di NH Hotel Group, che aderisce al Convention Bureau Italia portandovi i suoi 52 alberghi italiani, situati in 26 città. Ed è un ingresso che, per il Convention Bureau Italia, rappresenta un successo sia di immagine che di mercato. Di immagine perché l’adesione di una catena alberghiera internazionale (NH è fra le 25 più grandi del mondo) ne conferma la validità del lavoro, e di mercato perché la sua rappresentatività ne risulta considerevolmente ampliata soprattutto su Roma e Milano, dove non ci sono convention bureau territoriali.

“L’ingresso di NH Hotel Group ci consente sia di porci come interlocutori di Enit in una posizione di ulteriore forza sia di presentare un’offerta sempre più ampia, in particolare nelle due principali destinazioni italiane” conferma infatti la presidente del Convention Bureau Italia Carlotta Ferrari. “Ora possiamo quindi contare, per la gestione delle richieste, su oltre 3.500 camere a Milano e più di 6.100 a Roma grazie a tutti i nostri soci”. E per la catena, il valore dell’adesione al bureau risiede nell’aspetto di promozione delle proprie strutture, ma non solo: “L’ingresso nel Convention Bureau Italia rappresenta per NH Hotel Group una grande opportunità di networking”, dice il direttore commerciale Nicola Accurso, “e consolida la strategia del Gruppo di valorizzare le destinazioni italiane sul mercato di congressi ed eventi”.

A suggellare la nuova partnership sarà l’assemblea dei soci del Convention Bureau Italia, che si svolgerà il prossimo 12 dicembre proprio in una struttura della catena spagnola, l’NH Collection Roma Vittorio Veneto. L’evento sarà l’occasione per presentare i risultati 2016 e il piano di attività 2017 e per offrire ai partecipanti un momento di networking.

Commenta su Facebook