Gli albergatori europei lanciano Book Direct, la campagna che invita i clienti a "farsi furbi" e bypassare le agenzie online
A
Hotrec, la confederazione europea delle imprese alberghiere e della ristorazione lancia Book Direct, la campagna di comunicazione che invita i clienti degli alberghi a prenotare le camere utilizzando non le agenzie di viaggio online, bensì i canali diretti messi a disposizione dalle strutture (sito web, email, social media, contatto telefonico).

L’iniziativa corale, che prevede l’inserimento del logo Book Direct tradotto in 17 lingue sul materiale informativo e promozionale degli alberghi di tutto il continente che aderiscono all'iniziativa, era stata preceduta l'estate scorsa da campagne omologhe promosse dalle associazioni di categoria di singoli paesi. L’italiana Federalberghi aveva infatti lanciato Fatti furbo! Contatta direttamente il tuo albergo e le colleghe francesi Une meilleure offre à l’hôtel.

Lo scopo delle campagne era e rimane solo uno: comunicare i vantaggi delle prenotazioni effettuate senza passare per gli intermediari. I vantaggi si traducono, secondo gli albergatori, nella possibilità da parte del cliente di instaurare una relazione diretta con l'hotel per fruire di un servizio più efficace, di avere informazioni di prima mano su disponibilità, offerte speciali e servizi a condizioni vantaggiose e di avanzare richieste specifiche di personalizzazione del soggiorno.

La mossa di Hotrec si inserisce nella volontà degli albergatori di contrastare il potere delle agenzie online, battaglia che in Italia pare essere stata vinta. Lo scorso ottobre la Camera dei Deputati ha infatti approvato l’emendamento al disegno di legge sulla concorrenza che elimina la parity rate, la clausola con cui le agenzie online vincolano gli albergatori a non vendere le camere a tariffe inferiori a quelle pubblicate sui propri portali. Prima di cantare vittoria gli albergatori italiani devono ancora attendere il parere del Senato, ma intanto si portano avanti cercando di convincere i consumatori a prenotare direttamente sui propri siti in attesa di poter abbassare le tariffe.

Commenta su Facebook