Misurare i risultati delle attività di comunicazione e PR: da Unicom un seminario sui nuovi Principi di Barcellona 2.0
A
A soli 5 anni dalla loro definizione, gli standard internazionali con cui si misurano i risultati delle attività di comunicazione e PR – noti come Principi di Barcellona – sono già stati aggiornati alla luce dei grandi cambiamenti che hanno investito il settore negli ultimi anni. L’aggiornamento, che è avvenuto lo scorso giugno durante il più recente congresso dell’AMEC, l’International Association for Measurement and Evaluation of Communication, ha definito i Principi di Barcellona 2.0, che diventano quindi le linee guida di riferimento per agenzie di comunicazione e di PR.

All’illustrazione delle novità è dedicato il seminario Barcelona Principles 2.0 che Unicom organizza a Milano il 22 ottobre, a ingresso gratuito per soci e non soci. I nuovi standard non sono infatti materia così semplice: i punti chiave ne sono la distinzione fra misurazione e valutazione, l’introduzione del fattore qualitativo, il ricorso a criteri di coerenza e trasparenza. Il seminario si propone di spiegare e aprire il dibattito sulle modifiche coinvolgendo i professionisti della comunicazione.

“Il tema della misurazione delle attività di comunicazione e delle PR in particolare”, commenta Maria Grazia Persico, consigliere Unicom, “costituisce da sempre un reale problema per titolari e gestori di agenzie che hanno come focus attività di media relation e PR. La richiesta di avere indici e criteri di valutazione condivisi deriva dalla consapevolezza dei sempre maggiori problemi che si riscontrano nel rendicontare in modo efficace ed efficiente un’attività caratterizzata da molti effetti intangibili soggetti a difetto di interpretazione”.

A illustrare i Principi di Barcellona 2.0 sarà Stefania Romenti, docente di Corporate communication presso l’Università IULM di Milano; nel corso del seminario saranno inoltre discussi esempi pratici e best practice presentati alla conferenza AMEC da esperti di misurazione e direttori della comunicazione.

La partecipazione è gratuita previa iscrizione.

Commenta su Facebook