Si completa il cda dell'Enit: Fabio Lazzerini e Antonio Preiti nominati a fianco di Evelina Christillin
A

Fabio Lazzerini

Antonio Preiti

Le nomine di Fabio Lazzerini e Antonio Preiti a consiglieri di amministrazione dell’Enit, firmate venerdì dal ministro del turismo Dario Franceschini, segnano il completamento del lungo processo di riorganizzazione e trasformazione dell’agenzia per il turismo iniziato a giugno dell’anno scorso con le dimissioni dell’allora presidente Celli e l’entrata in carica del commissario straordinario Radaelli.

I due consiglieri, indicati dalle Regioni (Preiti) e dalle imprese del turismo (Lazzerini), entrano nel cda dell’Enit a due settimane dalla designazione a presidente di Evelina Christillin, la cui nomina passerà ora al vaglio delle commissioni parlamentari.

A distanza di un anno, l’Enit è divenuta ente pubblico economico per effetto della legge ArtBonus, è stata dotata di un nuovo statuto grazie all'operato di Radaelli e può finalmente ricominciare a operare nella promozione internazionale del paese. “L’Italia ha ora uno strumento efficiente ed efficace in grado di cogliere le opportunità rappresentate dalla crescita del turismo internazionale. La competenza del nuovo consiglio di amministrazione permetterà di perseguire con successo un progetto strategico per il paese” ha detto Franceschini.

Entrambi i neonominati consiglieri hanno lunghi curriculum nel turismo: Fabio Lazzerini è docente di gestione del turismo, condirettore dell’Aviation MBA alla Luiss di Roma e manager per l’Italia di Emirates, dove è arrivato dopo essere stato amministratore delegato di Amadeus Italia. Lazzerini è stato anche cofondatore e vicepresidente di Federviaggio, vicepresidente di Confcommercio e vicepresidente di Assintel.

Antonio Preiti ha un profilo più istituzionale: è stato direttore generale dell’Agenzia per il Turismo di Firenze, consulente per la Presidenza del Consiglio nel settore turistico, consulente del Ministero dell’Economia per gli investimenti pubblici nel turismo e consigliere di amministrazione dell’APT del Trentino.

Commenta su Facebook