A luglio la convention MPI Italia: il tema è la cultura della biodiversità applicata ai sistemi organizzativi
A
L’inclusione della diversità come fondamento dei sistemi organizzativi per garantire l’evoluzione dell’ecosistema: questo il tema scelto da MPI Italia, il capitolo nazionale dell’associazione Meeting Professionals International, per la propria convention annuale, che si svolgerà a Padova dal 4 al 6 luglio e cui sono invitati a partecipare soci e non soci.

La convention, che si sposa perfettamente con la sede prescelta, il Giardino della Biodiversità di Padova che raccoglie 1.300 specie di piante provenienti da tutto il mondo, svilupperà il tema della cultura della diversità biologica quale componente chiave di tutte le comunità, epoche, ambienti per fare tesoro del passato, trasformare il presente e guidare il futuro. L’ecosistema che si evolve grazie alla diversità è quello ambientale, ma anche quello aziendale: “Le specie possono collaborare se sono organizzate, affinché non si cannibalizzino l’una con l’altra” spiega Olimpia Ponno, coordinatrice dei contenuti scientifici della convention e presidente di MPI Italia.

“Oggi più che mai viviamo un contesto aziendale all’insegna della complessità, della volatilità e dell’incertezza, che ci inducono a porre maggiore attenzione sui processi di inclusione e diversificazione delle persone più che sulle procedure, per evolverci e beneficiare delle diversità. L’azienda è un ecosistema, il territorio è un ecosistema, la convention è un ecosistema, noi stessi rappresentiamo un ecosistema. Un viaggio verso il cambiamento e l’evoluzione di qualsiasi entità inizia con la necessità di comprendere se il mezzo che ci trasporta è in condizioni di partire, se i compagni di viaggio sono felici di stare con noi e affrontare il percorso insieme”.

Attraverso l’esperienza multisensoriale delle piante e il confronto interattivo con un nutrito panel di esperti che esporranno le proprie best practice, i partecipanti alla convention affronteranno le variabili del cambiamento e le loro applicazioni per gestire l’unità nella diversità e il coordinamento tra ambiente interno ed esterno in qualsiasi ecosistema organizzativo.

Un percorso formativo-esperienziale che avrà come palcoscenico l’Orto Botanico di Padova che, fondato nel 1545, è il più antico del mondo, e il suo Gardino della Biodiversità: “Padova è stata selezionata come destinazione ospite della convention non solo per la sua vocazione di realtà urbanistica a ridotto impatto ambientale”, spiega Laura Favaretti, responsabile congressuale di Padova Terme Euganee Convention Bureau, “ma anche per l’investimento in progetti di responsabilità sociale che mettono al centro le persone.

E, sempre in tema di diversità, la giornata conclusiva della convention si svolgerà a Milano, dove i partecipanti visiteranno Expo con un itinerario disegnato da Made in Uvet, con cui MPI Italia ha stretto un accordo di partnership.

Il programma della convention e il link per l’iscrizione sono disponibili sul sito di MPI Italia.

Commenta su Facebook