Carlotta Ferrari riconfermata alla vicepresidenza di Federcongressi, Buscema riepiloga i 3 punti del suo programma
A

Carlotta Ferrari

Il nuovo Comitato esecutivo di Federcongressi&eventi, uscito dalle elezioni di qualche settimana fa, ha riconfermato nel corso della riunione di insediamento Carlotta Ferrari alla vicepresidenza dell’associazione. La Ferrari, presidente del Convention Bureau Italia e direttore del Firenze Convention Bureau, ha ricoperto la medesima carica anche nei due anni precedenti.

In occasione della riunione, il presidente di Federcongressi&eventi Mario Buscema ha riepilogato ai membri dell’esecutivo i punti del suo programma per il biennio 2015-2017.

Il primo riguarda i rapporti con le istituzioni: obiettivo di Buscema è rafforzare l’azione di rappresentanza del settore eventi nei confronti di Governo, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Enit e Regioni. Partendo da quanto descritto dal Libro Bianco del Congressuale Italiano, Federcongressi&eventi si attiverà per aprire un dialogo con le istituzioni e stimolare azioni a favore della competitività della destinazione Italia.

Il secondo punto programmatico riguarda i rapporti con le altre associazioni del settore eventi e dei comparti afferenti, con l’obiettivo di proseguire il dialogo già fruttuosamentwe avviato nello scorso biennio: Confcommercio, Confesercenti, Confindustria, Federalberghi, Federturismo, AEFI (Associazione Esposizioni e Fiere Italiane), AICA (Associazione Italiana Confindustria Alberghi), Assohotel, MPI (Meeting Professionals International) e SITE (Society for Incentive Travel Excellence). Nell’ambito dei congressi medico-scientifici, core business di buona parte dei soci Federcongressi&eventi, Buscema intende continuare a dialogare con le associazioni di riferimento Assobiomedica, Farmindustria e la Federazione Italiana delle Società Medico Scientifiche.

Il terzo punto del programma è relativo alle azioni per i soci: per quelli nella categoria Destinazioni e sedi Federcongressi continuerà a supportare il Convention Bureau Italia e a interloquire con l’ANCI, l’associazione dei comuni italiani. Per i soci PCO (professional congress organizers), l’associazione si dedicherà al “progetto PCCO”, con l’intenzione di definire e accreditare le agenzie abilitate con la nuova denominazione di professional congress consultant & organizer. Per i soci DMC e organizzatori di viaggi di incentivazione, così come per quelli che si occupano di servizi e consulenze, Buscema intende infine potenziare le iniziative di aggiornamento e crescita professionale. Proseguirà inoltre l’attività a favore della formazione e inserimento lavorativo dei giovani con l’ormai collaudato Progetto Mentore.

Commenta su Facebook