Accordo fra Enit e il Convention Bureau Italia, si avvia la collaborazione per lo sviluppo del congressuale
A

Carlotta Ferrari

Enit e il Convention Bureau Italia hanno firmato un protocollo d’intesa, della durata di 3 anni, con cui avviano una collaborazione volta a sviluppare e coordinare l’attività congressuale e, più in generale, a promuovere la destinazione sul mercato internazionale degli eventi. L’Enit riconosce così al bureau privato (è una rete di imprese private) il ruolo di soggetto che opera a sostegno della meeting industry perseguendo finalità di interesse generale a beneficio di tutto il paese.

Siglato dal Commissario straordinario dell'Enit Cristiano Radaelli e dal presidente del Convention Bureau Italia Carlotta Ferrari, il documento prevede la possibilità di istituire un comitato di indirizzo specifico o di ripristinare il Comitato di coordinamento delle azioni per lo sviluppo dell’offerta congressuale che ha operato lo scorso biennio sotto la presidenza Enit.

"Credo che per noi sia un grande risultato” commenta Carlotta Ferrari. “Attraverso il lavoro di tutti i soggetti della rete siamo riusciti a creare le premesse per una collaborazione che sono sicura ci porterà a ottenere i risultati che l'Italia si merita".

L’accordo prevede inoltre che un rappresentante di Enit possa partecipare al Comitato di gestione del Convention Bureau Italia in qualità di uditore, e che entrambe le parti monitorino con cadenza semestrale i risultati dei programmi svolti, per eventuali azioni correttive e di miglioramento.

Commenta su Facebook