Convention Bureau Italia: al via il piano operativo per il 2015, annunciati i progetti e le iniziative di promozione internazionale
A
Dopo i primi mesi dedicati all’organizzazione interna, il Convention Bureau Italia entra ora nel pieno dell’operatività con una serie di progetti e di iniziative che, definiti nel corso della prima assemblea dei soci svoltasi a metà dicembre, scandiranno l’anno in corso.

Come prima cosa partirà la campagna per stimolare l’adesione al bureau delle catene alberghiere, identificate come partner strategici per la promozione del brand Italia all’estero. A questo proposito l’assemblea di dicembre ha definito le tariffe e le condizioni di adesione per i gruppi alberghieri, e l’obiettivo è coinvolgere sia le catene italiane che quelle internazionali. Il convention bureau nazionale, lo ricordiamo, è una rete di imprese private costituita la scorsa estate con l’obiettivo di promuovere l’Italia sul mercato internazionale degli eventi e di supportare la domanda internazionale nella ricerca delle location e dei servizi per eventi in Italia.

Il secondo progetto operativo è quello dei club di prodotto, che il Convention Bureau Italia ha elaborato per rispondere alle esigenze degli operatori privati delle destinazioni dove non esiste convention bureau territoriale: una delle mission che il bureau nazionale si è dato fin dal principio è infatti quello di sostenere la costituzione di aggregazioni territoriali per poter promuovere verso l’estero un numero crescente di destinazioni italiane, stimolando in tal modo anche la costituzione di convention bureau ufficiali.

Infine, il programma di promozione 2015 che, messo a punto dal sales & marketing manager Tobia Salvadori, è stato ampiamente discusso e condiviso in assemblea: il Convention Bureau Italia parteciperà, in collaborazione con Enit, alle 3 fiere internazionali di settore tradizionalmente “coperte” dall’agenzia per il turismo – IMEX, ibtm world (già EIBTM) e IMEX America. Inoltre, parteciperà anche all’Ace of Mice di Istanbul, al Meetings Show di Londra e al Midex di Parigi. Sono previste anche attività di promozione in India e negli Stati Uniti, nonché l’organizzazione di eventi B2B creati specificatamente per i soci del bureau.

Al momento il Convention Bureau Italia conta 30 imprese private associate, in rappresentanza di un significativo numero di operatori (i convention bureau territoriali associati portano infatti con sé tutti i propri soci). Come già annunciato, la seconda tornata di adesioni da parte delle imprese sarà formalizzata dal notaio il prossimo 12 febbraio a Firenze.

Commenta su Facebook