Triumph Group e CCI vincono la gara per organizzare il Congresso Mondiale delle Camere di Commercio a Torino nel 2015
A
Acquisito a fine 2012 da Torino, che aveva battuto le concorrenti Ginevra, Liverpool e Belfast, il Congresso Mondiale delle Camere di Commercio 2015 sarà organizzato dai PCO Triumph Group International e CCI (Centro Congressi Internazionale), che hanno vinto la gara pubblica indetta dal Centro Estero per l’Internazionalizzazione partecipando come raggruppamento temporaneo di imprese.

“Abbiamo partecipato con Triumph, con cui lavoriamo da tempo perché la formula del raggruppamento di imprese garantiva maggior successo in una gara molto complessa e onerosa” racconta Giulio Ferratini, CEO di Centro Congressi Internazionale. “Si tratta infatti di un progetto molto articolato dal punto di vista gestionale, che in fase di gara ha richiesto la produzione di una corposa documentazione e, soprattutto, di una fideiussione di un milione di euro. La complessità del progetto ha fatto sì che, pur trattandosi di una gara pubblica, fossero soltanto 3 i soggetti che vi hanno partecipato”.

Il Congresso Mondiale delle Camere di Commercio, per il quale sono attesi 2mila delegati provenienti da 100 paesi e che si svolgerà al Lingotto, è promosso e gestito dalla ICC World Chambers Federation in collaborazione, per l’edizione 2015, con la Camera di Commercio di Torino. L’evento si svolge ogni 2 anni, a rotazione, in un diverso continente e riunisce le Camere di Commercio di tutto il mondo per sviluppare attività di cooperazione istituzionale volte a supportare le imprese e le comunità di affari dei rispettivi territori.

“Il punto di forza del nostro progetto è stata la chiarezza nella presentazione” dice Ferratini. “Pur nella difficoltà di redigere il capitolato di un congresso di questo genere, dove molti aspetti sono difficili da prevedere, abbiamo evidenziato e chiarito tutte le voci di budget. Poi, a pesare nella decisione dell’ente appaltante, ci sono stati sicuramente la grande esperienza di Triumph nella gestione di grandi eventi istituzionali e la nostra capillare conoscenza del territorio”.

© Event Report – riproduzione consentita con credito e link alla fonte

Commenta su Facebook