Lancio europeo di Ford Transit: a Barcellona 2 mesi di evento con 3mila ospiti e una strada speciale, firma un’agenzia italiana
A
È durato quasi due mesi – dal 3 febbraio al 21 marzo – l’evento di lancio con cui Ford Europe ha presentato a 2.600 dealer europei e a 700 giornalisti internazionali i 4 nuovi modelli di Ford Transit Range, il veicolo commerciale di punta della casa americana. L’evento, naturalmente, doveva essere spettacolare e di grande impatto, e allo stesso tempo doveva valorizzare le caratteristiche innovative dei nuovi furgoni, ogni modello dei quali è dotato di caratteristiche proprie.

Ford Europe, che ha il proprio quartier generale nel Regno Unito, ha scelto di svolgere l’evento a Barcellona e ha sposato l’idea creativa di Filmmaster Events, che ha realizzato il lancio curandolo sia negli aspetti di creatività e comunicazione sia nella complicata logistica: i dealer e i giornalisti, infatti, provenivano da tutti i paesi europei e sono giunti a Barcellona in gruppi nazionali di diverse dimensioni (dai 50 ai 200) con arrivi giornalieri back-to-back.

Filmmaster Events ha ideato per il lancio un format ad hoc, che è stato proposto nel mese di febbraio alla stampa, con un’anteprima esclusiva e poi, a marzo, ai dealer. Come location è stato scelto un hangar commerciale alle porte di Barcellona, presso l’aeroporto, che ben si prestava sia alle esigenze logistiche di trasferimenti quotidiani di gruppi numerosi sia al concept creativo, che ha suddiviso l’evento in 3 parti: Discover, Experience e Drive.

La prima parte, Discover, ha assunto una forma abbastanza tradizionale: al loro arrivo all’hangar, che era stato completamente personalizzato, gli ospiti venivano condotti in un’area allestita come un vero e proprio Transit Centre, i centri vendita dei furgoni, dove assistevano alla presentazione dei nuovi modelli da parte del management Ford dei vari mercati europei. Al termine della presentazione, il reveal dei veicoli, che puntava sull’effetto sorpresa e che apriva la parte Experience, di grande impatto: il sipario che separava l’area presentazione dal resto dell’hangar si apriva, rivelando agli ospiti la Transit Road, la ricostruzione di una vera e propria strada cittadina con tanto di incrocio, veicoli, negozi, giardino e piazzetta, realizzata in tutti i dettagli con un allestimento imponente.

Il concept era basato sull’idea di mostrare i nuovi furgoni Transit nel proprio habitat naturale, cioè quello cittadino, affinché potessero rivelare tutti le proprie caratteristiche: la strada realizzata da Filmmaster Events era infatti affollata di persone – comparse con il ruolo di negozianti, lavoratori, turisti, passanti – e sfoggiava 8 negozi che evidenziavano le innovazioni dei 4 mezzi della gamma. C’era la scuola guida dedicata ai sistemi di sicurezza, il distributore di benzina che spiegava la convenienza dei consumi e le emissioni di CO2, la galleria d’arte che conteneva le testimonianze artistiche dell’eleganza delle linee e dei numerosi premi vinti, il negozio d’arredamento per raccontare il comfort degli interni del Transit. E ancora una mediateque, un garage, un cantiere e un Transit Café.

I messaggi chiave all’interno dei diversi negozi erano veicolati tramite diverse esperienze interattive: video, pannelli informativi, materiale cartaceo e audioguide, tutte disponibili nelle diverse lingue dei paesi da cui provenivano gli ospiti. La Transit Road era anche “popolata” di insegne animate dove erano proiettati in loop i video Transit, mentre i veicoli veri e propri erano parcheggiati “in strada” per essere visionati dagli ospiti. Una sorta di “racconto collettivo” di cui Filmmaster ha curato non solo l’idea creativa e la regia complessiva, ma anche tutta la produzione tecnica, inclusi i video, gli allestimenti e gli effetti speciali.

Ogni veicolo ha poi preso vita grazie a 4 performance di danza studiate per evidenziarne le caratteristiche: i ballerini raccontavano infatti con la danza momenti di vita lavorativa interagendo con i furgoni per metterne in luce tecnologie, funzionalità e dettagli. Al termine delle performance, un blackout improvviso e totale, che spiazzava gli ospiti, precedeva l’esibizione finale, dove ballerini e comparse si ritrovavano tutti insieme, illuminati dai fari dei Transit, per salutare gli ospiti. Per i dealer, l’evento si concludeva il giorno stesso o il giorno successivo, a seconda della dimensione del gruppo, con la parte di test drive dei veicoli, che è stata curata da un fornitore specializzato Ford.

Commenta su Facebook