Casa Barilla riparte da Reggio Calabria con 10mila partecipanti, l'evento di marketing in 19 tappe si concluderà a novembre
A
Entra nella fase conclusiva il tour 2012 di Casa Barilla, il grande villaggio del noto brand che nei luoghi pubblici delle città si apre al pubblico per degustazioni, corsi ed eventi costruiti attorno al tema della pasta e del pranzo conviviale all’italiana. Dopo la pausa estiva, durante la quale ha toccato in versione ridotta otto grandi centri commerciali, è ripartito sabato 20 e domenica 21 ottobre da Reggio Calabria, dove ha accolto ben 10.000 ospiti.

Ora sarà la volta di Pescara (27 e 28 ottobre), Catania (10 e 11 novembre), Palermo (17 e 18 novembre) e Napoli (24 e 25 novembre) per concludere così la terza edizione di un tour dell’Italia in 19 tappe (erano otto nel 2011), ognuna di due giorni, suddivise in tre tranche: il centro-nord Italia nei mesi di aprile e maggio (Roma, Torino, Padova, Bologna, Milano e Prato), il centro-sud a ottobre e novembre, e i centri commerciali, novità dell’edizione 2012, in otto città.

“La direzione strategica del progetto 2012 ha voluto continuare nel solco tracciato fin dalla prima edizione, mettendo ancora più al centro il ruolo del consumatore per coinvolgerlo in un’interazione attiva e d'impatto con l’universo simbolico della marca” spiega Francesco Antinolfi, direttore creativo di Bye Bye Baby, l’agenzia che da quattro anni segue Barilla nell’ideazione, progettazione e organizzazione dell’evento di marketing.

Il format prevede, accanto all’area Degustazione dove è possibile assaggiare vari tipi di pasta proposti dagli chef Barilla, e all’area Piccolini, dove i bambini vengono coinvolti in attività ludico-educative, anche l’attività Dialoghi ai Fornelli, dove due persone del pubblico sono chiamate a proporre le loro personali ricette su uno degli otto temi che scandiscono la giornata (cena romantica, ricetta tipica della città, menù per i più piccoli, etc.) oppure a cucinarle insieme a uno chef.

Presso Casa Barilla inoltre si può assistere a una Lezione di convivialità tenuta da un’esperta di bon ton sull’arte della tavola, visitare l’area di esposizione e vendita di prodotti e gadget o assistere alle esperienze di cucina di alcuni vip in Trame d'Autore, contestualizzati con mostre di foto, spezzoni di film e contributi del mondo dell’arte e della letteratura sul tema gastronomico.

L’accesso alle attività Barilla è gratuito, ma l’azienda chiede un contributo di tre euro a persona da devolvere alla Fondazione ABIO, impegnata nell'assistenza ai bambini in ospedale.

Commenta su Facebook