Kellogg’s fa guerrilla per le barrette: In Action organizza un tour “energetico” in tre città con un gioco che supporta il Banco Alimentare
A
Un’operazione di guerrilla marketing in tre città, pensata per promuovere la linea Kellogg’s Barrette coinvolgendo i consumatori in un’attività di gaming ad alto consumo di energie, distribuendo campioni di prodotto e sostenendo una causa sociale.

Ad aggiudicarsi la gara indetta da Kellogg è stata l’agenzia veronese di co-marketing ed eventi In Action, che ha progettato un tour lungo un mese partito da piazza Gae Aulenti a Milano, dove si è appena concluso dopo una settimana di attività, per proseguire ora in piazza Solferino a Torino e concludersi a fine ottobre in piazza della Minerva a Roma.

L’attività ideata da In Action prevede l’installazione, in ognuna della piazze toccate dal tour, di una Energy Station, cioè un grande distributore di barrette Kellogg’s con monitor integrato, che riproduce il pack in formato gigante, cui è collegata una pedana composta da mattonelle luminose dove il pubblico è invitato a fare esercizi fisici sotto la guida di un Energy Trainer virtuale.

Dotata di sensori di movimento, la Energy Station rileva il passaggio delle persone, chiamandole a partecipare all’attività. Quando qualcuno sale sulla pedana si attiva l’Energy Trainer, con un video che spiega i semplici esercizi da eseguire e al termine dei quali ogni partecipante riceve dal distributore della Energy Station la barretta Kellogg’s a ricompensa dello sforzo sostenuto. L’intera attività è accompagnata da un gruppo di promoter che invitano i consumatori a partecipare supportandoli durante il gioco e facendo attività di sampling del prodotto.

Sul monitor dell’installazione compare la quantità di energia impiegata da ogni partecipante per fare l’attività fisica richiesta: al termine di ogni tappa, l’energia accumulata dai partecipanti viene “convertita” in una donazione che Kellogg farà a Fondazione Banco Alimentare Onlus per aiutare le persone in difficoltà di ognuna delle tre città.

Commenta su Facebook