Il Gruppo Bracco celebra i 90 anni di attività con una mostra-evento alla Triennale, firmano FeelRouge e Marco Balich
A
Una mostra-evento dove il linguaggio della scienza e quello dell’arte si uniscono con effetti spettacolari per guardare dentro il corpo umano: così il Gruppo Bracco ha scelto di celebrare i suoi 90 anni di attività. The Beauty of Imaging, questo il nome della mostra in cartellone alla Triennale di Milano sino al 2 luglio, racconta infatti la potenza e la bellezza della diagnostica per immagini, una delle scoperte più importanti della storia della medicina e il settore nel quale è specializzata la multinazionale chimico-farmaceutica.

La realizzazione dell’evento è stata curata dall’agenzia FeelRouge Worldwide Shows, che sotto la supervisione artistica di Marco Balich ha reso divulgativo e coinvolgente un argomento scientifico sviluppando il concept Early diagnosis means life, la diagnosi precoce significa vita. Per comunicare il ruolo che la diagnostica ha nella prevenzione e nella cura delle malattie FeelRouge ha fatto della mostra un laboratorio futuristico dove le immagini diagnostiche diventano opere d’arte e l’anatomia umana un colorato capolavoro di complessità.

Gli allestimenti progettati dallo Studio Giò Forma danno vita ai contenuti ideati da Mauro Belloni (autore dei contenuti del Padiglione Italia di Expo 2015) con due grandi installazioni antropomorfe di un uomo e una donna che simboleggiano la centralità dell'essere umano nell'Universo e un gigantesco Bronzo di Riace composto da centinaia di immagini sovrapposte che rappresenta il motto Mens sana in corpore sano. Il percorso di visita termina con la proiezione di un video spettacolare che conduce i visitatori all’interno del corpo umano sulle note di un’opera del compositore e pianista Roberto Cacciapaglia.

Commenta su Facebook