Balich Worldwide Shows a Graz produce il "flag handover" dei Giochi Olimpici Speciali Invernali ad Abu Dhabi 2019
A
Ha rappresentato tutto il sistema valoriale degli Emirati il momento della cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici Speciali Invernali durante il quale è avvenuto il passaggio di bandiera tra l’Austria, il paese dove si sono svolti quest’anno i giochi, e Abu Dhabi, la destinazione della loro prossima edizione.

Il flag handover si è svolto allo stadio Liebenau di Graz il 25 marzo, di fronte a una platea di 20mila persone: Graz è stata infatti una delle tre città austriache dove si sono tenute le gare dei Giochi Olimpici Speciali, che in 11 giorni hanno visto sfidarsi in 9 specialità dello sport invernale oltre 2.700 atleti con disabilità intellettiva provenienti da 107 paesi.

A produrre il flag handover, su incarico del principe ereditario di Abu Dhabi, è stata l'agenzia italiana Balich Worldwide Shows, che ha progettato l'evento in linea con l’obiettivo per cui nel 1968 erano stati fondati i Giochi Olimpici Speciali Invernali, cioè abbattere i pregiudizi nei confronti delle persone disabili.

Sul palco, allestito come un’oasi, artisti professionisti e persone diversamente abili hanno messo in scena insieme lo spettacolo, che mostrava un gruppo di beduini e donne in costumi tradizionali mentre raccoglieva le fronde delle palme, simbolo dei valori degli Emirati di unità, perseveranza, coraggio, ispirazione, autenticità e generosità. La cerimonia si è conclusa con la proiezione di una luce che, partita dalle palme, ha progressivamente avvolto e illuminato gli 80 volontari che hanno svelato il logo dei Giochi Olimpici Speciali del 2019 ad Abu Dhabi.

Con questo evento Balich Worldwide Shows, l’ammiraglia del gruppo Worldwide Shows Corporation, consolida ulteriormente la propria presenza nel Golfo, dopo avere aperto nel 2016 a Dubai la sua prima sede estera e avere acquisito all'inizio di quest'anno la quota di maggioranza di HQ Creative, agenzia di eventi di Dubai oggi attiva sul mercato con il nome di HQ Worldwide Shows.

Commenta su Facebook