Google in campo per la sicurezza online con un roadshow in 5 città e una mostra in realtà virtuale, la produzione è di Piano B
A
Google scende in campo per tutelare la sicurezza online degli utenti del web e conclude il roadshow dedicato, che nei mesi scorsi ha toccato 5 città italiane, con un'inedita mostra "in realtà virtuale" allestita a Milano e prodotta dall'agenzia di eventi Piano B che ne ha curato allestimento, logistica e regia.

Future Viewing, questo il nome della mostra che nei 3 giorni di installazione a inizio marzo è stata visitata da 5mila persone, non esponeva apparentemente nulla. Lungo il percorso a forma di labirinto 10 pannelli trasparenti "prendevano vita", diventando opere d’arte, solo se guardati attraverso i Google Cardboard, i visori per la realtà virtuale. Le creazioni, dedicate al tema della cibersecurity, sono state infatti realizzate da artisti emergenti con TiltBrush, l’applicazione di Google per dipingere in 3D non con il pennello ma con la gestualità delle mani e non sulla classica tela ma nello spazio.

Piano B, chiamata dall'agenzia creativa 72andSunny, ha prodotto anche il roadshow, intitolato Vivi internet al sicuro, con cui Google ha voluto sensibilizzare i cittadini sugli strumenti di tutela della privacy online e durante il quale sono stati selezionati gli artisti della mostra.

Promosso in collaborazione con Polizia Postale e delle Comunicazioni, Altroconsumo e Accademia italiana del codice di internet, il roadshow è iniziato a ottobre e si è concluso a dicembre dopo aver fatto tappa a Milano, Roma, Bologna, Napoli e Cagliari. In ogni destinazione, a bordo di un bus brandizzato Google, esperti di Google e rappresentanti della Polizia Postale e di Altroconsumo hanno fornito agli internauti informazioni e consigli su come proteggere i propri dati online e navigare sicuri.

Commenta su Facebook