Nuova Mini Countryman, Egg Events organizza l'evento di lancio per la stampa con un'esperienza immersiva di brand
A
È stato un evento di due giorni, dove sia la destinazione sia la location hanno contribuito a "immergere" i partecipanti nei valori del brand, quello con cui a inizio febbraio la nuova Mini Countryman di casa BMW è stata presentata alla stampa italiana.

Egg Events, l’agenzia chiamata a organizzare il lancio, ha infatti portato 40 giornalisti dei settori automotive e lifestyle tra le montagne e i boschi dell'Appennino emiliano, habitat naturale del crossover che è stato pensato come veicolo perfetto per la città, ma ideale anche per “allontanarsi dall’asfalto”.

Durante la prima giornata i partecipanti hanno scoperto la nuova vettura in una location che Egg Events ha scoperto e trasformato in una vera e propria “casa Mini”: una residenza privata della campagna bolognese adibita in passato prima a stalla, poi a cantina e successivamente trasformatasi in location per shooting fotografici è diventata lo spazio country-chic dove gli arredi d’antiquariato, mixati a oggetti di design, hanno creato l'atmosfera simboleggiando il legame del brand con la tradizione ma anche la sua spinta innovativa verso il futuro.

A dominare l’ambiente, le cui vetrate lasciavano spaziare lo sguardo sui boschi circostanti, era la nuova Mini Countryman, esposta scenograficamente nel grande salone centrale tra il camino e un'inaspettata piscina.

Durante la serata, in cui i partecipanti hanno degustato i piatti gourmet dello chef romagnolo Fabrizio Mantovani, la pr & coordinatrice della comunicazione del brand Mini Cristiana Lattuada e il direttore del brand Federico Izzo hanno fatto gli onori di casa e illustrato le caratteristiche dell’auto.

Lasciata "casa Mini", e dopo il pernottamento a Bologna, i partecipanti hanno dedicato la giornata seguente alle prove su strada: i test drive sono stati organizzati da Egg Events lungo un percorso attraverso l’Emilia studiato proprio per sperimentare la tenuta di strada della vettura. Dal bolognese il gruppo è quindi arrivato fino alla provincia di Reggio Emilia, dove l'evento si è concluso con il pranzo firmato dallo chef stellato Andrea Incerti Vezzani, patron del ristorante Ca’ Matilde.

Commenta su Facebook