Intelligenza artificiale e tecnologie predittive per evitare ritardi e imprevisti di volo: il trasporto aereo risparmierebbe 23 miliardi
A
Al settore del trasporto aereo gli imprevisti che impediscono la regolarità dei voli costano circa 23 miliardi di euro l’anno: condizioni metereologiche avverse, bagagli smarriti, controlli di sicurezza, intoppi nelle procedure di imbarco o sbarco sono tutti fattori che possono causare ritardi o soppressione dei voli, creando disagio ai passeggeri e perdita economica alle compagnie aeree e agli aeroporti.

Gli imprevisti, però, non sono tutti imprevedibili e i disservizi non tutti inevitabili: per arginarli, la soluzione è fare ricorso a tecnologie predittive, intelligenza artificiale e analisi dei dati. È quanto emerge dal report The future is predictable della società di servizi tecnologici per il trasporto aereo Sita, secondo il quale i tool che mettono in relazione enormi quantità di dati e i sistemi di analisi predittiva possono aiutare compagnie aeree e aeroporti a identificare in anticipo i problemi che si presenteranno e trovare tempestivamente le soluzioni per risolverli.

Anche l’intelligenza artificiale entra in gioco per agevolare lo svolgimento regolare dei voli: per esempio, nel caso di una grande e inaspettata affluenza di passeggeri su un volo gli operatori possono “dialogare” in tempo reale con i viaggiatori, invitandoli a raggiungere il desk di imbarco prima dell’orario precedentemente stabilito.

Il report afferma che metà delle compagnie aeree e degli aeroporti nei prossimi 10 anni investirà in tecnologie predittive per prevedere i disservizi, rimuoverne le cause e migliorare il proprio servizio, ma c’è chi sta già facendo da apripista. Nell’aeroporto londinese di Gatwick, per esempio, le tecnologie basate sulla metodologia predittiva sono già applicate alla gestione di diverse aree di attività per individuare e risolvere le criticità.

Tra le compagnie aeree che stanno sperimentando servizi basati sui modelli previsionali e sulle analisi dei Big Data ci sono, tra le altre, Meridiana e KLM. Meridiana in caso di anomalia del volo avvisa i passeggeri con una notifica via email, dando loro la possibilità di modificare la prenotazione o di chiedere il rimborso del biglietto. KLM consente invece ai passeggeri in transito all’aeroporto di Amsterdam-Schiphol di cambiare volo via WhatsApp, ma solo se le anomalie sono “significative”.

Commenta su Facebook