Arriva Social Influencer, il nuovo strumento di Blogmeter per individuare e selezionare gli "influenzatori" del web
A
Il passaparola di marketing genera oggi il doppio delle vendite rispetto alla pubblicità tradizionale. E poiché oggi il passaparola è veicolato e amplificato principalmente attraverso i social media, le aziende investono sempre più risorse per identificare e “reclutare” gli influencer, cioè gli utenti che hanno un elevato ascendente su altri utenti e che possono influenzarne le decisioni di acquisto. Secondo Forbes, l’84% di chi si occupa di marketing ha dichiarato che nei prossimi 12 mesi intende pianificare una campagna di influencer marketing, e il 96% sostiene che coinvolgere un influencer sia un’attività in grado di aumentare la brand awareness.

Queste le premesse da cui è partita l’agenzia di social media intelligence Blogmeter per sviluppare Social Influencer, il nuovo strumento con cui le aziende possono individuare gli “influenzatori del web” più adatti al loro business. Il tool è alimentato da un database di 2.500 influencer italiani e internazionali selezionati in base al loro grado di autorevolezza e “operativi” in più di 20 settori, tra cui, solo per citarne alcuni, fashion, beauty, food, tech e automotive.

Lo strumento permette di individuare gli influencer in base agli indicatori più significativi – la rilevanza sul mercato, l’età, la tipologia di contenuti pubblicati, la lingua utilizzata – e di analizzarne le perfomance social su Facebook, Twitter, Instagram e YouTube in maniera aggregata, verificando quali contenuti hanno generato più interazioni e quali influencer hanno più seguito fra gli utenti.

“Trovare l’influencer giusto è diventata un’operazione lunga, complessa e spesso determinata da valutazioni soggettive”, spiega la responsabile dell’influencer marketing di Blogmeter Paola Nannelli. “Per questo abbiamo creato uno strumento basato sulla misurazione di indicatori oggettivi, i quali ai brand consentono di scegliere l’influencer giusto a seconda del settore, degli obiettivi e della tipologia di campagna”. Non si tratta solo di blogger, dice la Nannelli, ma anche di celebrità, video-maker, designer e fotografi, ognuno con le proprie specificità e il proprio pubblico.

E al lancio del tool Blogmeter affianca anche quello di un nuovo osservatorio periodico con la classifica degli influencer più rilevanti per ogni settore che sarà consultabile sul sito dell’agenzia.

Commenta su Facebook