Il Lego entra nella formazione medica: Meeting Planner progetta la prima volta di una farmaceutica con i mattoncini colorati
A
Il Lego è una cosa seria. Se ne è reso conto il gruppo farmeceutico Servier, che attraverso le proprie società Servier Italia e IFB Stroder ha sponsorizzato 14 eventi di formazione per medici generici dove i partecipanti hanno raggiunto gli obiettivi di apprendimento usando proprio i celebri mattoncini colorati secondo la metodologia Lego Serious Play, che facilita la comprensione e soluzione di problemi di gruppo attraverso l’impiego guidato di elementi Lego. Alla regia dell’operazione l’agenzia pugliese Meeting Planner, che ha progettato e realizzato il format insieme al facilitatore certificato Lego Serous Play Fabrizio Faraco.

I 14 eventi si sono svolti in altrettante città italiane nel corso di 4 mesi del 2016, ognuno alla presenza di 30 medici di medicina generale. L’obiettivo era permettere ai referenti scientifici di ogni evento (specialisti in chirurgia vascolare e cardiologia) di sensibilizzare i partecipanti a considerare l’urgenza della diagnosi della malattia venosa cronica, anticipandola sin dai primi sintomi, che spesso sono molto blandi e difficili da riconoscere.

Il sistema Lego Serious Play è stato identificato da Meeting Planner come quello più adatto a raggiungere l’obiettivo perché consente di trovare le soluzioni all’interno del gruppo, senza imporle dall’esterno. I mattoncini Lego aiutano infatti le persone a “pensare attraverso le dita” scatenando intuizione, ispirazione e fantasia, e il metodo si basa sulla creazione di metafore visive 3D finalizzate a rappresentare le principali questioni su cui si vuole ragionare e i possibili modi per risolverle semplicemente costruendo modelli e raccontando storie su di essi. Nella sfida impostata dal facilitatore Fabrizio Faraco – come diagnosticare tempestivamente la malattia – ognuno dei medici ha costruito un modello 3D con i mattoncini Lego, raccontando poi agli altri la storia associata al suo modello e dando origine a una discussione attraverso la quale le intuizioni dei diversi partecipanti sono utili per una riflessione comune.

“In sostanza”, spiega la titolare di Meeting Planner Maddalena Milone, “con Lego Serious Play è il gruppo dei partecipanti che attraverso il confronto e il dibattito arriva ad ‘auto-formarsi’, interiorizzando così al meglio la materia da apprendere. In questo caso il metodo era perfetto, perché i medici conoscevano già i sintomi della malattia. Dovevano 'solo' imparare a inquadrarli, e per questo il confronto reciproco si è rivelato fondamentale. L’efficacia scientifica del format è confermata dal fatto che le conclusioni a cui ogni gruppo è giunto sono state in linea di massima omogenee nelle varie parti d'Italia dove si sono svolti gli eventi”.

Con questo progetto Meeting Planner si è conquistata un primato: è stata infatti la prima volta che il metodo dei mattoncini Lego (comune in ambito aziendale) è stato impiegato per uno sponsor farmaceutico in un contesto medico-scientifico, e Maddalena Milone è stata chiamata a presentarlo in collegamento diretto (anche questa una prima volta) al meeting mondiale dei facilitatori Lego Serious Play che si è svolto in ottobre a Billund in Danimarca, città natale e headquarter di Lego.

Commenta su Facebook