A Milano un palazzo ricoperto di ghiaccio, arrivano i pompieri: l'operazione di ambient marketing di M&C Saatchi fa scalpore
A
Un palazzo nel centro di Milano ricoperto di ghiaccio. Non dal freddo, ma da un'operazione di ambient marketing per sensibilizzare i cittadini sugli effetti negativi dello spreco di energia.

Ieri mattina la facciata di un edificio storico in largo La Foppa si presentava come preda di un incantesimo che nella notte ne aveva ricoperto muri, davanzali e finestre di uno spesso strato di ghiaccio.

L’evento insolito è stato subito ripreso dalle agenzie di stampa e dai quotidiani ed è diventato in poche ore virale su tutti i social network, con gli utenti scatenati nel postare immagini e ipotizzare le cause del fenomeno. La voce più accreditata diceva che l’effetto Frozen era da attribuirsi a un inquilino partito in agosto per un viaggio d’affari dimenticando acceso l’impianto dell’aria condizionata, e a rendere credibile la storia era la presenza dei vigili del fuoco, impegnati con le scale a entrare nell'appartamento dove si trovava il presunto condizionatore.

In realtà il ghiaccio, la vicenda dell’inquilino sbadato e persino i pompieri erano tutti una finzione ideata da M&C Saatchi per conto di un cliente la cui identità sarà svelata proprio oggi. L’agenzia di pubblicità non è nuova ad azioni di ambient marketing davvero spettacolari: 3 anni fa, sempre a Milano, per lanciare i servizi delle assicurazioni Europe Assistance e Genertel, i creativi di M&C Saatchi avevano fatto emergere dall’asfalto un sottomarino che si era "scontrato" con un’automobile.

Commenta su Facebook