Sinergie porta Confagi a Montecarlo per la sua prima convention, due giorni di contenuti per celebrare un anno di attività
A
Una convention di due giorni per celebrare il primo anno di attività, premiare i migliori performer e raccontare strategie e progetti futuri. A commissionarla è stata Confagi, la nuova Confederazione degli Agenti Generali di assicurazione di Generali Italia, e a curarne organizzazione, produzione e regia è stata l’agenzia Sinergie Live Communication.

L’evento, che si è svolto a metà novembre a Montecarlo, ha visto la partecipazione di 300 agenti e dei loro accompagnatori, del top management di Generali Italia e di personalità del mondo giornalistico, economico e universitario che hanno portato il loro contributo ai contenuti professionali erogati durante i lavori.

La convention ha avuto inizio con la cena di gala, che si è svolta nella Salle des Étoiles dello Sporting Monte-Carlo: in apertura l’aperitivo con concerto jazz live, poi i discorsi di benvenuto dei tre co-presidenti Confagi, chiamati sul palco dalla giornalista Vira Carbone, e quindi la cena, durante la quale la performance della cantante Keeniatta, che con la sua band era posizionata su una piattaforma mobile di grande impatto scenico, si è alternata con la premiazione dei migliori agenti delle tre società che compongono la confederazione.

I lavori veri e propri si sono svolti il giorno successivo nel centro congressi del Fairmont Hotel: due i format (“talk show” e “products”) realizzati da Sinergie, che ha prodotto anche i video emozionali e di walk in e la scenografia del palco. A condurre la convention ancora Vira Carbone, che ha invitato i tre co-presidenti a condividere con i loro agenti gli obiettivi raggiunti dalla Confederazione e i progetti futuri.

Gli interventi degli ospiti hanno concluso la convention: il giornalista Ferruccio De Bortoli ha incontrato il CEO di Generali Philippe Donnet in un one-to-one sulle sfide del settore assicurativo e poi moderato un talk-show sul destino del welfare state in Italia cui hanno partecipato anche il filosofo e sociologo Umberto Galimberti e Alessandro Rosina, direttore del Laboratorio di statistica applicata alle decisioni economico aziendali.

Commenta su Facebook