Apre il Dubai Water Canal, nuova attrazione turistica degli Emirati: un'agenzia italiana firma la cerimonia di inaugurazione
A
Una cerimonia fatta di performance artistiche, giochi di laser e di luce, muri d’acqua verticali e giochi prospettici ha inaugurato ieri il Dubai Water Canal, il canale lungo 3 chilometri, largo 120 metri e profondo 6 che collega il centro business di Dubai al Golfo Persico sulle rive del quale sorgeranno ville, aree verdi, piste ciclopedonali, spazi commerciali e 9 marine.

Lo show, al quale hanno assistito 200 ospiti tra i quali il vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi ed emiro di Dubai, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, ed esponenti delle istituzioni e dell’imprenditoria locali, è stato frutto della creatività italiana. A ideare e realizzare l'intero evento, su incarico della RTA, la società dei trasporti pubblici di Dubai, è stata infatti l’agenzia torinese Prodea Group.

Il programma della cerimonia si è snodato in 2 atti: il primo ha ripercorso il processo della costruzione del canale, mentre il secondo ha anticipato come l’opera darà nuovo appeal alla destinazione. Nel primo atto la storia del Dubai Water Canal è stata raccontata da Prodea con lo storytelling immersivo: coreogafie danzanti sotto l’acqua, video ed effetti olografici hanno fatto rivivere agli spettatori seduti su una tribuna circolare i 3 anni trascorsi dal progetto alla conclusione del canale, costato circa 500 milioni di euro.

Per trasmettere come la rinnovata area renderà più vivace Dubai l’agenzia ha quindi cambiato la scena, mettendovi al centro il pubblico. Imbarcati su 6 vascelli che percorrevano il canale gli ospiti hanno assistito allo spettacolo di proiezioni video e immagini sulle sponde che si alternavano esaltando le esibizioni sull’acqua di ballerini-acrobati in costume. Il momento conclusivo della cerimonia è stato il reveal del Legacy Piece, la scultura del giovane artista italiano Patrick Alò che sarà installata in modo permanente lungo una riva.

Commenta su Facebook