Reputazione in calo per le compagnie low-cost: i costi extra ne annullano la promessa, Ryanair prima per addebiti
A
È una promessa non più mantenuta quella dei voli a basso costo, e le compagnie aeree low-cost sono ormai considerate alla stregua di quelle tradizionali, per lo meno in termini di prezzi: lo dicono i viaggiatori europei, dei quali solo il 19% reputa eque e convenienti le tariffe delle low-cost.

L’impennata dei prezzi in alta stagione e i costi extra addebitati al momento della partenza – per un bagaglio extra o troppo pesante, o per effettuare il check-in al banco dell’aeroporto – fanno sì che le compagnie low-cost siano percepite, dal 38% degli europei e dal 40% degli italiani, come più costose oggi rispetto al passato, con un danno reputazionale non da poco.

I dati sono quelli di un sondaggio che eDreams ha condotto su 17mila persone di 10 paesi europei, rilevando fra l’altro che il 67% degli italiani ritiene troppo elevati, o addirittura irragionevoli, i costi extra da pagare in aeroporto. E la compagnia più additata è Ryanair, che nella percezione comune è quella che più frequentemente richiede pagamenti extra.

In termini di esperienza di viaggio complessiva, la low-cost più gradita agli europei è risultata essere easyJet, seguita da Ryanair, Norwegian Airlines, Vueling ed Eurowings.

Commenta su Facebook

Altro su...

Compagnie aeree